:: Home » Numeri » #181 » LETTERATURA » Fiume pagano - Laura Costantini e Loredana Falcone
2010
16
Ago

Fiume pagano - Laura Costantini e Loredana Falcone

media 3.05 dopo 139 voti
Commenti () - Page hits: 5100
Introduzione delle autrici
Foto di copertina e di quarta
di Maurizio Distefano
Historica Edizioni
Narrativa romanzo
Pagg. 239
ISBN 9788896656099
Prezzo € 15,00 

Vestali in giallo 

Questa volta le due simpatiche narratrici romane hanno voluto giocare in casa, in una città eterna in cui il desiderio di alcuni di rivederla come Caput mundi si confonde con la nebbia di un febbraio che ricorda un po' Milano.
La scelta del luogo di residenza, imposta peraltro dalla tematica, ha giovato indubbiamente alla narrazione, con la riscoperta di aspetti meno turistici di Roma e più pregnanti per la sua popolazione.
Accadono cose strane in quei giorni di carnevale, con clochard che si buttano giù dai ponti, affogando miseramente nel Tevere, indotti al suicidio da una misteriosa figura femminile, una donna velata che aspira a restaurare il culto per la dea Vesta. Se consideriamo poi che esiste un'associazione culturale, la Brigata Coclite, che si prefigge di rivalutare il ruolo di Roma, offuscato  dal Papato, ci sono tutti i motivi per pensare che stia divampando un neopaganesimo.
I suicidi si susseguono, senza che riescano a venire a capo dell'indagine un simpatico giornalista, Nemo Rossini, e un maresciallo dei carabinieri, Quirino Vergassola. Ma è interessata anche un'altra persona, Monica, bella, ricca, che opera nel volontariato a sostegno dei senza tetto, soprattutto per cercare il padre, fuggito da casa quando ancora lei era piccola e diventato uno di quei diseredati.
Combattuta fra due uomini, il portiere Claudio e Attilio, il capo della Brigata Coclite, finisce con il diventare l'effettiva protagonista, pur senza che gli altri che ho nominato si limitino ad essere dei semplici comprimari.
La scrittura veloce, i continui colpi di scena, alcuni argomenti di estremo interesse appena sfiorati per non intaccare l'agilità della narrazione risultano godibilissimi, facendo passare un po' in secondo piano la ricerca del colpevole, che ho capito peraltro chi era già a metà libro, senza tuttavia che ciò facesse venir meno la mia attenzione per il romanzo.
Credo che le autrici abbiano inteso soprattutto fornire un'opera di agevole e piacevole lettura, un giallo con cui trascorrere alcune ore in spiaggia sotto l'ombrellone o in casa, accomodati in poltrona, cullati dall'aria condizionata.
Nonostante ciò hanno voluto inserire elementi tipici di altri generi, in un curioso e riuscito cocktail che amplifica i potenziali lettori.
Così, chi ama le storie d'amore o per chi si appassiona a vicende di figli che desiderano ritrovare i genitori qui troverà pane per i suoi denti. Non manca anche un po' di horror, considerato che i suicidi hanno marchiato a fuoco sul petto alcune lettere latine, che sono sillabe di Animula vagula blandula, la poesia scritta in punto di morte dall'imperatore Adriano. Magari c'entrano poco con la vicenda i bellissimi versi, ma sono una nota che impreziosisce il romanzo e fa conoscere a quei lettori che l'ignoravano una delle più belle liriche, non solo dell'antichità.
Non aggiungo altro, se non la raccomandazione di leggerlo, perché ne sarete soddisfatti.
 
Laura Costantini e Loredana Falcone scrivono insieme da più anni di quanti piaccia loro ricordare. Un sodalizio nato sui banchi di scuola e mai interrotto, nonostante impegni familiari e professionali.
Laura Costantini ha intrapreso la carriera di giornalista.
Loredana Falcone quella non meno irta di difficoltà della mamma.
Laura Costantini ha spaziato dai quotidiani (Il Secolo XIX) ai settimanali (OGGI, CHI, GENTE) per approdare nel 2003 nella redazione del programma di RaiUno LA VITA IN DIRETTA. Ma trova comunque il tempo per continuare a seguire, insieme a Loredana, i sentieri della fantasia.
Madri letterariamente parlando fecondissime, Laura e Loredana hanno dato ai loro romanzi un centro di gravità permanente: le donne. Ognuno dei loro libri nasce, cresce e si sviluppa sempre intorno a figure femminili che vengono esaminate, amate, sviscerate attraverso epoche e ambientazioni le più diverse.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 205 millisecondi