:: Home » Numeri » #129 » CINEMA » Factotum
2006
19
Apr

Factotum

media 3.17 dopo 1130 voti
Commenti () - Page hits: 5700

 

Avevo riletto il libro prima di andare al cinema. Non ci avevo messo molto, solo una settimana. Lo stile era quello secco, semplice e disincantato del vecchio Hank. Più che altro una collezione di lavori di merda per tirare avanti, di estenuanti sbronze, di donne pazze e di situazioni grottesche. Bukowski non se l'è mai passata bene ma la sua salvezza è stata la scrittura. Il materiale umano, pieno di dolore e incomprensione, ha trovato una sua dimensione sulla pagina scritta. Tra i bordi del foglio, nelle righe fitte buttate giù su un quaderno o un taccuino, la vita che sembrava non riservargli niente ha trovato una forma. Le parole sono riuscite a dare a Bukowski quello che nessun essere umano (a parte forse qualche donna) è stato in grado di dargli. Un po' di comprensione, un po' d'amore e qualcosa per la quale valesse veramente la pena vivere.

Matt Dillon, prima di tutti, riesce nell'impresa. Rendere umano e sincero (lontano dunque da ogni stereotipo) il personaggio di Henry Chinaski, l'alter ego letterario di Bukowski. Goffo, lento, romantico, ironico, beffardo, cinico, scontroso Chinaski è l'insieme di tutte quelle caratteristiche che ogni appassionato del vecchio Hank conosce alla perfezione. Modellato sul suo predecessore, Arturo Bandini (del tanto amato John Fante), Chinaski è uno che la vita la prende da lontano, con una distanza voluta che limita i danni che la vita stessa infligge.

Matt Dillon si prende i suoi tempi, segue la flemma esistenziale del suo personaggio che non si spaventa davanti a nulla, consapevole ormai di quanto la vita sia beffarda e di quanto sia inutile opporsi a quello che il destino ci riserva. L'unica cosa che possiamo fare è giocarcela fino in fondo, come ci ricorda la bellissima poesia che conclude il film.

 

se hai intenzione di tentare

fallo fino in fondo,

non esiste sensazione altrettanto

bella.

sarai solo con gli

dei

e le notti arderanno tra

le fiamme.

 

fallo, fallo, fallo.

fallo.

 

fino in fondo.

fino in fondo.

 

cavalcherai la vita fino alla

risata perfetta, è

l'unica battaglia giusta

che esista.

 

Il film viene costruito seguendo alcuni degli episodi del libro e trova le sue uniche differenze nel periodo in cui è ambientata la storia (nel libro siamo nel dopoguerra, nel film sembra di essere nei nostri giorni) e nell'età del suo protagonista (sui ventotto nel libro, sui trentacinque o più nel film). Ma quella che rimane immutata è l'anima di Hank e tutto quello che in essa vi è racchiuso. Tutto quello che con il tempo ho imparato a conoscere e poi ad amare, scoprendo una persona che attraverso le parole ha parlato per la prima volta (e più di qualsiasi altro scrittore) alla mia  anima. Ecco cosa rappresenta Bukowski più di ogni altra cosa, la possibilità di comunicazione con altre persone. Il pensare che gli altri, attraverso le parole, possano entrare nel fondo della nostra anima e riconoscersi con quanto stiamo dicendo. E credo veramente che nella vita ci sia poco in confronto a questo. O per lo meno nella vita di chi voglia essere uno scrittore.

Con gli anni Bukowski ebbe la buona idea di costruirsi attorno il proprio mito, quello che poi nel tempo è rimasto ma che di lui è solo la facciata, la parte esteriore. L'anima, invece, è in profondità ed è un regalo (o un tesoro) che ha nascosto nel fitto delle sue pagine e che solo chi ha avuto la voglia e il desiderio di leggersi tutti i suoi libri è riuscito a scoprire.

Perché oltre ai cavalli, le donne, i sigari, gli alcolici e le scopate ci sono loro, le parole, quelle che hanno costruito il suo mondo, le uniche che quest'uomo non ha mai tradito.

E che giustamente, dopo anni di tentativi, lo hanno ricompensato.

Perché la gloria, dovunque essa sia, può essere di tutti.

Basta solo tentare e farlo fino in fondo.

Alla tua, Hank.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 154 millisecondi