:: Home » Numeri » #83 » SUSSURRI » Perché leggo poesie fino alla sfinimento
2002
25
Feb

Perché leggo poesie fino alla sfinimento

Commenti () - Page hits: 2750
Perché leggo poesie fino alla sfinimento

Leggo poeti e poesie x fuggire via
X sognare
O dimenticare
Leggo fino a consumarmi
E fino a incespicare

Ma è là che gli echi si moltiplicano
Che le navi si insinuano dolci nei calmi fiordi
Che i mattini son rosa
Che gli alberi fioriscono

È là che il cielo è limpido
O i mattini azzurri
O i tepori dell¹inverno di vedute da capogiro si animano

È là che troviamo rifugio ai malumori
Alle cattive parole

È là che non trovo disturbi o cure vane
È là che la musica è pioggia
O il silenzio sovrano
E l'amore quello più bello
Quello della devozione e della dolcezza
Dell'abbandono e della gentilezza
Proprio là è normale

Solo là il tempo è bloccato
E lo spazio incontaminato

Quant'è bello sognare e volare!

Mario Pischedda


Bortigiadas 17 gennaio 2002 h.12:52
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 200 millisecondi