:: Home » Numeri » #49 » OPINIONI » Concorso e precari
1999
25
Gen

Concorso e precari

Commenti () - Page hits: 3200
Concorso e precari

Mentre tutti tuonavano (giustamente, s'intende) contro la proposta di elargire fondi statali alle scuole private, è passata sottobanco una "leggina" che assegna la metà dei posti messi in palio dal prossimo concorso per l'insegnamento ai precari della scuola.
L'ultimo concorso risale a svariati anni fa, ed era attesa con ansia una nuova prova che permettesse perlomeno di entrare in graduatoria; ma lo spazio assegnato ai neolaureati, o a coloro che tenevano la laurea nel cassetto, si è ora di molto assottigliato, visto che un'intera categoria potrà accedere all'insegnamento senza passare per le "forche caudine" del concorso.
Ora, io non ho nulla contro i cosiddetti "precari", che vivacchiano nella scuola spesso sottopagati, correndo da una supplenza a un'altra senza avere mai certezze di un posto fisso; sbagliano coloro che li considerano meno capaci di altri; ma non riesco a capire, visto che ne hanno tutte le capacità, perché non possano anche loro sostenere un esame, in teoria previsto per tutti coloro che vogliono essere abilitati alla professione.
Entrare nella scuola senza aver partecipato ad un concorso è una condizione anomala, oggi difficilmente possibile; la legge ha sancito una situazione "di fatto" che trova la sua ragion d'essere solo nella lentezza e nella disorganizzazione della nostra amministrazione, ma non è giustificabile sul piano del diritto.
Purtroppo, da sempre in Italia, patria del consociativismo più bieco, c'è l'abitudine di legiferare "per categorie" e non per l'universalità dei cittadini: ed ecco le classi speciali, le deroghe, i privilegi acquisiti…Tutto a danno di chi? Ovviamente, nostro: dei giovani in cerca del primo lavoro, i cui diritti passano in secondo piano rispetto a quelli di un'infinità di gruppi sociali tutelati, sia per motivi condivisibili, sia per motivi nascosti di lobby politiche e appoggi elettorali.
Ci sono, certo, un'infinità di ragioni con cui giustificare l'ammissione all'insegnamento senza concorso: ma si tratta sempre di una scelta legislativa che privilegia una categoria, e non si basa su un principio generalmente valido. A questo tipo di leggi, a questa mentalità assistenzialistica, sarebbe ora di dire basta.

Lorenza Ceriati
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 140 millisecondi