:: Home » Numeri » #50 » ARTE » Teatro Politeama
1999
25
Feb

Teatro Politeama

Commenti () - Page hits: 3100
Teatro Politeama
Il programma di marzo e aprile


Con i tre appuntamenti della sezione
Concerti d'autore finalmente la Musica, quella da grande palco, torna nelle nostre programmazioni. Assolutamente da non perdere il grande ritorno il Italia (11 marzo) di Tuck & Patty, la coppia del Jazz americano che ha saputo sedurre e incantare tanto i jazzisti dal palato fine, quanto i cultori della classica, gli "easy listener", gli studiosi e persino i bambini. I virtuosismi della voce incredibile di Patty Cathcart e della chitarra di Tuck Andress, regalano insieme emozioni indimenticabili. Il loro sound e' accattivante e semplice: "semplice come solo il distillato dell'impossibile sa essere". Ci hanno abituato a tutto nel loro jazz senza confini: ad attraversare il blues, il pop, passando per funky, per i suoni d'Africa e di Brasile. Il fascino del loro strepitoso sound sedurra' la notte!
Con la presenza della straordinaria Piccola Orchestra AVION TRAVEL festeggeremo (21 marzo) l'arrivo della Primavera. La formazione sicuramente piu' atipica del panorma italiano e' stata consacrata dalla critica come unica e vera cult-band degli ultimi dieci anni. Amata dalla grande stampa, stimata da artisti quali Paolo Conte, Lucio Dalla, Franco Battiato, la Piccola Orchestra da sempre si caratterizza per la ricerca in nuovi territori musicali.
Ed infine un mito internazionale nella storia del flamenco: Paco De Lucia, con un concerto che (18 aprile) si preannuncia eccezionale e che vede la presenza in scena di cinque musicisti e due danzatori. Chitarre e percussioni per un virtuosista che ha fatto della propria storia personale la storia di un genere per intere generazini di interpreti.

Ancora provocazioni con The Pornographic Wall degli Aids Positive Underground Theatre, prodotto da La Manica Tagliata. Il gruppo, tra i piu' inquieti e dissacratori dell'ultima generazione, trionfatore con Russian Roulette al Festival di Edimburgo edizione 97, propone a Cascina l'ultimo lavoro scritto e diretto da John Roman Baker. Interpreti Wanya Bop, Koen Smit, Gerrit Van Gelinga.
Secondo della tetralogia dal titolo Diavoli in Europa, lo spettacolo e' una commedia borghese in tre atti completa di cattive maniere e gentili atrocita', in cui il degrado e la violenza che caratterizzano il mondo della prostituzione maschile, sono rappresentati attraverso sofferenza, realismo ed erotismo. (spettacolo in lingua originale, testo tradotto consegnato al pubblico, vietato ai minori di 18 anni).
Stupore e divertimento con Ole' the Flamencomedy show, il successo internazionale che ha scatenato energia e buonumore nelle platee di mezzo mondo. Ideato e diretto da Paul Morroco lo spettacolo e' stato definito a ragione "la piu' sovversiva celebrazione del flamenco" Una parodia entusiasmante dei luoghi comuni del flamenco, che mette in ridicolo il machismo di certa musica spagnola, che smitizza con mille trovate da vaudeville la drammatica gestualita' dell'unica donna del gruppo dei "cinque amigos". Tra sfrenate chitarre, clownerie, acrobazie, paradossi e colpi di scena la testimonianza di una grandissima professionalita' e di un autentico, assoluto, sconfinato amore per la cultura e la spettacolarita' andaluse.
Liberamente ispirato al racconto "Saturn street" di David Leavitt, il Buio di Ennio Livio Trinelli si presenta a Cascina dopo i successi di critica e pubblico della scorsa stagione. Prova tragicomica di speranza, lo spettacolo racconta la storia di un incontro, quello fra Valentina, un travestito obbligato ad una terapia quotidiana per unamalattia non svelata, e Luca, un volontario che recapita medicine a domicilio. Lo interpretano con intensita' Vincenzo Corigliano e Francesco Signa.
Un discorso particolare merita il bellissimo Rosso Liberty adattato da Massimo Verdastro su testi inediti dell'autore corleonese, Nino Gennaro, poeta, politico di "strada", autore tearale, saggista, attore, pittore, morto di AIDS nel 1994. La figura di Nino Gennaro, per l'impegno culturale e politico fondamento del suo essere artista (impegno contro la mafia e in prima linea per l'afermazione dei diritti omosessuali) e per la grande vitalita' artistica, e' stata accostata da alcuni critici e scrittori italinai (Goffredo Fofi, Guido Ceronetti, ) a figure quali: Pasolini, Genet, Cioran.
Rosso Liberty e' un variegato mosaico composto da frammenti poetici e narrativi che Nino Gennaro ha esso stesso mixato nel 1994, anno precedente ala sua scomparsa. Lo spettacolo prende la forma del concerto - cosi' come l'autore suggeriva - ad assecondare l'espressione dei tanti ritmi, stili e temi presenti nella sua scrittura, che, a loro volta, hanno portato alla scelta di musiche appartenenti ai piu' diversi generi della contemporaneita'. La soprano Francesca della Monica ed il cantante attopre Francesco Schiavo, affiancano l'interprete Massimo Verdastro in una piece di singolare intensita'. Musiche contemporanee dei maggiori autori del '900.
Ancora per A.M.O.R.I. Zoo di Notte di Michel Azama, per la regia di Alessandro Pizzech. Lo spettacolo e' il racconto di un'ossessione di purezza: un bisogno assillante di mettere a nudo le radici dell'affettivita' umana, per legare i gesti alle passioni profonde. Jo, Sarah e Mike, i giovani protagonisti, sono degli esiliati dal bene condannati a vivere in una lacerante nostalgia di autenticita' i loro legami con amanti, amici, figli, come se conservassero solo un vago ricordo della forza dei sentimenti che li lega l'un l'altro, e a questo si attaccassero disperatamente per distruggersi a vicenda. Michel Azama, autore di fama internazionale, e ora per la prima volta finalmente rappresentato anche in Italia, e' uno dei piu' importanti esponenti della nouvelle vague teatrale francese di questi ultimi anni. Zoo di notte e' denso di echi mitologici e religiosi, incarnati in un linguaggio duro, essenziale, ritmato, violento, che lascia senza respiro: parole che i protagonisti si scagliano l'un l'altro come schiaffi che avrebbero solo voluto essere carezze.
E per chiudere in assoluta frizzante ironia Platinette in recital. La Drag Queen piu' amata dagli italiani, si presenta alla festa conclusiva di A.M.O.R.I. con una serata dal titolo Paillettes a forma di cuore. Accompagnata al pianoforte, Platinette dara' il meglio di se tra canzoni e performances. Divenuta popolarissima grazie ai suoi interventi su Radio Due RAI e su RAI Due durante il festival di Sanremo edizione '96, e; oggi protagonista indiscussa di una divertentissima trasmissione radiofonica trasmessa da Radio Station One. Per meglio descrivere la controversa personalita' di Plattinette una citazione... "le sfumature in natura non le ha inventate Elisabeth Arden".

Fondazione Sipario Toscana & Teatro Politeama
Via Tosco Romagnola 656 - 56021 Cascina (PI)
Tel. 050/744400 - 744298 - 744158 Fax 050/744233
e-mail: politeama@ftbcc.it
Home page: http://www.sirt.pisa.it/politeama
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 157 millisecondi