:: Home » Numeri » #175 » LETTERATURA » El Djablo - Roberto Morpurgo
2010
15
Feb

El Djablo - Roberto Morpurgo

media 3.06 dopo 145 voti
Commenti () - Page hits: 5350
Euro 15 – Pag. 190
Edizioni Puntoacapo – www.puntoacapo-editrice.com
 
Roberto Morpurgo è un autore che non si piega a logiche commerciali. Fa letteratura, e credo ne sia consapevole, perché si dedica ad arti elitarie ma fondamentali come la poesia, l'aforisma, il racconto arricchito da citazioni colte e la saggistica filosofica.
El Djablo è la sua ultima opera, uscita per un marchio editoriale per me ignoto, ma che confeziona i libri come una volta, senza badare all'impatto sul pubblico confezionando copertine vivaci, intriganti e piene di colori. Il curatore del testo è l'italianista Ivano Mugnaini, nome noto ai lettori di molte riviste letterarie che da anni frequenta con buon successo. El Djablo mi ha incuriosito perché Roberto Morpurgo racconta venti fantasie spagnole, infarcite di rimandi e citazioni in lingua originale, ma soprattutto perché alcune di queste fantasie riguardano Cuba. Mi soffermo su Mandingas, racconto di grande interesse che compie una sorta di storia del lavoro a Cuba partendo dalle esperienze schiaviste e sfata un'idea corrente secondo la quale gli schiavi accettavano di buon grado la loro condizione. Un discorso già fatto a Cuba dal grande antropologo Fernando Ortiz nel Contrappunto del tabacco e dello zucchero, ma che merita un approfondimento narrativo. A Cuba è a tutti nota l'epopea degli cimarrones e sono molti i lettori di Miguel Barnet e della sua Biografia de un cimarron (Letras Cubanas, 1966 - 2001). I negri che si davano alla macchia prendevano il nome di cimarrones, si rifugiavano nelle caverne (ce ne sono alcune dalle parti di Pinar del Río), spesso si suicidavano prima di tornare a lavorare. I mandingas - detti demoni neri - erano i più irriducibili, perché si suicidavano in gruppo per farsi beffe del padrone e liberarsi per sempre del lavoro. La loro religione  induceva a credere che dopo morti sarebbero tornati sulla terra, ma nei villaggi africani dai quali provenivano. I padroni toglievano quella mera illusione, perché li mutilavano dopo morti e privavano quei corpi infelici di gambe, testicoli e testa. Tutto questo serviva a indurre i mandingas a non suicidarsi, per la paura di un castigo ultraterreno ancora peggiore. Roberto Morpurgo racconta in prima persona il tormento di un mandingo, nato da una tribù bellicosa della costa africana, non lontano dall'equatore, ma ridotto in schiavitù. Narra con poche pennellate descrittive la sua felicità primitiva e la libertà totale di cui godeva prima della Grande Notte, l'Ora del Giudizio in cui sbarcarono gli uomini bianchi armati di canne cave e fiammeggianti. L'uomo libero diventa un servo del conquistatore, ma ben presto si dà alla macchia, si trasforma in selvaggio in fuga, inseguito da cani feroci, uomini con torce e fucili. Morpurgo descrive con mano felice l'angoscia dello schiavo catturato, ucciso e soprattutto mutilato dal dispotico padrone.
El Djablo non è un libro di pronto consumo, ma è un testo profondo, letterario, intenso, ricco di cultura ispanica. Da leggere e meditare.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi
Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003), Vita da jinetera (Il Foglio, 2005), Cuba particular – Sesso all’Avana (Stampa Alternativa, 2007), Adiós Fidel (A.Car., 2008) e Il mio nome è Che Guevara (Il Foglio, 2008). I suoi lavori più recenti di argomento cubano sono: Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Orrori tropicali – storie di vudu, santeria e palo mayombe (Il Foglio, 2006), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Avana Killing (Sered, 2008), Mi Cuba (Mediane, 2008) e Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009).
MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 131 millisecondi