:: Home » Numeri » #175 » CINEMA » Tra le Nuvole
2010
7
Feb

Tra le Nuvole

media 2.99 dopo 206 voti
Commenti () - Page hits: 8650
 
 
Tra le nuvole. In aereo. Miami. San Francisco. Omaha. Una vita sempre in movimento. Un lavoro che significa toglierlo agli altri. Perversioni del capitalismo moderno. Annunciare licenziamenti. Le giuste parole. Una storiella da raccontare. Ripetuta e perfezionata.
Ryan Bingham vive in stanze d'albergo, quando non viaggia in aereo. Licenzia le persone al posto di quei capi che non hanno il coraggio di farlo. Tiene conferenze in cui parla di come non portarsi niente dietro, di come fare a meno degli altri. La vita di Ryan sembra speculare a quella del protagonista di Fight Club. I voli. Gli aeroporti. Le ore guadagnate con il check-in. Quelle perse.
Mentre il protagonista di Fight Club cercava di liberarsi da questo stile di vita, Ryan sembra aver trovato nei suoi meccanismi una funzionalità esistenziale e lavorativa che lo appagano. Ryan perfeziona il suo modo di vivere. Lo trasforma in un modello. Negli spazi vuoti del suo mestiere trova la sua libertà.
In questa simbiosi tra vita e lavoro, dove le emozioni riescono a manifestarsi solo nell'impossibile utopia di amori clandestini, dove i rapporti umani si riducono ad un'ipocrita farsa, viene alla luce la drammaticità del vivere contemporaneo, ormai corrotto dal denaro e dalle nuove forme di comunicazione tecnologica, in cui sembra non esserci più posto per relazioni umane senza interesse.
Jason Reitman narra attraverso uno stile che amalgama uno sguardo da cinema indie, macchina a mano, ad improvvise accelerazioni di montaggio, mostrando ironicamente la solitudine di tutti i personaggi, solo piccoli ingranaggi di un meccanismo pronto a fagocitare uomini e donne nel nome del capitale. Ci si inganna e si viene ingannati. Ci si sfrutta e si viene sfruttati. Mentre le miglia di volo si accumulano fino al punto in cui un uomo diventa solo le master card che possiede, una parentesi aperta e subito chiusa tra una stanza d'albergo e un'altra.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 137 millisecondi