:: Home » Numeri » #79 » ORIENTE » L'automassaggio
2001
25
Ott

L'automassaggio

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 2850
L'automassaggio

In India vi sono almeno sei medicine ufficialmente riconosciute. Una di queste, di origine assai antica, è la scienza medica chiamata Ayurveda (scienza della vita), nella quale l'essere umano è preso in considerazione come riproduzione, in piccolo, di un macrocosmo del quale si è fornita interpretazione sia fisica sia filosofica. Di questa antica medicina olistica facevano parte vari rami e specializzazioni, tra le quali, il massaggio che, ancor oggi, gode di grande apprezzamento. Un antico rito di consacrazione riservato ai re chiamato "Abhiseca" consisteva nella aspersione del corpo del monarca con acqua (unita a riti sussidiari) ma anche in una unzione che potrebbe ricordare una pratica di Abhyangam o massaggio. Il suo fine era quello di assicurare il prolungamento della vita o addirittura l'immortalità del sovrano.
Per tornare alle pratiche del massaggio indiano moderno, oggi si sono diffuse pratiche anche di automassaggio e sono tanti i benefici che questi metodi possono offrire.
Si utilizza l'olio di sesamo che viene considerato "olio di base" perché, nel caso di specifiche terapie mediche Ayurvediche, viene miscelato ad altre sostanze curative.
Un altro olio che gode di molta considerazione per le sue proprietà è l'olio di mandorle, l'olio che vi consiglio di utilizzare nella pratica che qui vi descrivo.
La tecnica che vi presento viene insegnata in alcune rinomate scuole di yoga che godono della presenza di maestri particolarmente esperti.
Il trattamento inizia dai piedi.
Nei massaggi orientali in genere, i piedi sono ritenuti importanti poiché ricchi di sensibili aree e punti che trovano corrispondenza in varie parti del corpo, compresi gli organi interni. Per questo motivo vengono trattati con diligenza ed attenzione. In particolare per noi occidentali, i piedi, essendo normalmente richiusi nelle scarpe, necessitano di specifico intervento per porre rimedio ai danni derivanti dalla stretta delle scarpe.
Sedetevi dunque, toglietevi scarpe e calze e procedete come segue.
Si inizia normalmente dal piede destro ed il primo contributo prevede una accurata stesura dell'olio, in quantità non eccessiva, su tutta la superficie dell'arto, utilizzando il palmo di entrambe le mani (
fotografia n.1). L'olio va steso anche fra le dita dei piedi e per farlo, si possono utilizzare i pollici che alternativamente si muovono avanti e indietro per massaggiare e rivitalizzare la pelle così delicata in questi punti. Nella manovra seguente si divaricano le dita con attenzione per non lacerare la pelle infradito. Per completare lo scioglimento delle articolazioni, infine, iniziando dall'alluce, si tirano e ruotano, in senso orario, ad una ad una, tutte le dita del piede.
Le manovre che seguono presentano una azione diretta alla stimolazione in generale sia dei tessuti sia delle svariate aree corrispondenti ad organi interni per ristrutturarne il funzionamento.
Adottando una pressione decisa, massaggiate, con la parte interna del pollice, l'intera superficie della pianta del piede in strisce verticali che partono dal tallone e culminano alla base delle dita (
fotografia n.2). In seguito, partendo dalla base dell'alluce eseguite sempre con il pollice dei piccoli movimenti rotatori in senso orario nonostante lo manteniate fisso nel punto d'azione ( fotografia n.3). Estendete piano piano l'azione a tutta la pianta del piede percorrendo linee orizzontali che vanno da destra a sinistra per il piede destro e da sinistra a destra per il piede sinistro. Con questa azione inviate positivi impulsi a tutti gli organi interni attivandone il funzionamento.
Concludete sfregando con il palmo della mano aperta la parte laterale sia interna sia esterna del piede portando sollievo ma anche inviando impulsi benefici alla colonna vertebrale che in queste parti ha appunto la sua corrispondenza (
fotografia n.4).

Amadio Bianchi
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Amadio Bianchi
Docente di Yoga, di filosofia indù e di massaggio Ayurvedico, Amadio Bianchi, è l'ideatore dell'evento ''Artisti per la pace - Gandhi 50 anni dopo '' che si è tenuto dal 24 al 30 di gennaio 1998 a Milano per ricordare il Mahatma a 50 anni dalla sua scomparsa e che ha visto il convergere di quasi tutti i movimenti spirituali e religiosi. Per l'occasione, in una struttura di quasi 9.000 posti a sedere si erano esibiti, per una settimana, gratuitamente oltre 300 artisti, provenienti da molte parti del mondo, dando vita ad un grandioso spettacolo di pace. E'entrato in contatto con il pensiero orientale pubblicando due quaderni di filosofia: ''L'Evoluzione '' e ''I Simboli'' che gli hanno permesso di scoprire la cultura orientale. Tiene corsi e conferenze un po' ovunque ed è spesso presente nei maggiori congressi in qualità di relatore. Dirige l'Ass. C.Y. Surya per il benessere psicofisico di Milano. Ha più volte collaborato con gli Enti Ufficiali Indiani e Italiani nell'organizzare incontri sulla cultura indiana.
MAIL: cysurya@cysurya.milano.it
WEB:
http://www.cysurya.milano.it
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 152 millisecondi