:: Home » Numeri » #80 » ORIENTE » L'esperienza della consapevolezza...
2001
25
Nov

L'esperienza della consapevolezza...

Commenti () - Page hits: 2900
L'esperienza della consapevolezza, del soggettivo, dell'oggettivo nello Yoga e nella meditazione orientale

I partecipanti ad una semplice lezione di Hatha-Yoga, o Yoga comune, considerato più propriamente fisico, vengono spesso invitati dal loro docente a chiudere gli occhi anche durante il mantenimento delle posizioni.
Ciò permette loro di stare nel presente attraverso un procedimento di esperienza diverso dall'usuale, incominciando ad abitare, concretamente, il loro universo interiore.
Ed é così che, talvolta inconsapevolmente, gli allievi ricevono la prima vera iniziazione, rinascendo a nuova vita, una vita fondata su una maggiore consapevolezza.
Per questa ragione, lo Yoga, in nessun caso, neanche nell'Hatha-Yoga stesso, deve essere considerato come una normale forma di ginnastica esteriore.
Ancor più per altri tipi di Yoga, soprattutto per la meditazione, dove l'approccio "interiore" risulta ancora più evidente.
Sembrerebbe una cosa tanto semplice chiudere gli occhi ma in realtà non lo é in quanto, ad occhi chiusi, l'allievo si ritrova a mettere in azione il suo stato di attenzione su un terreno che non gli é abituale.
La sua usuale esperienza, e per conseguenza tutto ciò che sta nella sua mente fino a quel momento, gli deriva dall'esperienza dei sensi e questa nuova condizione, lo disorienterebbe se il docente con la sua presenza e le sue parole non gli facesse da punto di riferimento.
Il Maestro, infatti, normalmente, continua invitando l'allievo a prendere coscienza della posizione del suo corpo mantenendogli tuttavia l'attenzione, in un certo senso, in periferia, affinché la pratica non risulti, all'inizio, troppo scioccante per mancanza di conoscenza.
Solo quando una certa maturità consentirà allo studente di affrontarsi più in profondità, gli verrà suggerito di far convergere la consapevolezza sull'atto respiratorio, affacciandosi all'esperienza dell'io sono o senso dell'io (il sanscrito aham), il principio di individuazione e, per conseguenza, anche del soggettivo.
Il soggettivo, per la cultura Yoga, deriva dal principio centripeto e di coesione che nel Samkhya Darsana, uno dei sei punti di vista ortodossi dell'induismo, viene chiamato Ahamkara.
L'Ahamkara é lo stadio nel quale si trova la materia o Prakrti, quando, attivata dall'impulso dell'evoluzione, procede dallo stato neutro di Mahat ( cioè di massa energetica) a quello di, come si legge sull'enciclopedia dello Yoga, massa unitaria, apercettiva, ancora priva di esperienza personale, ma già con l'oscura coscienza di essere un ego.
Da un punto di vista pratico - evolutivo tutti possono intuire che si tratta di quel principio che permetterà, in seguito, ad ogni cosa di essere quella che è, cioè un microcosmo con il suo nome e la sua forma.
L'Ahamkara rappresenta, essendo un fondamento di separazione, un vero e proprio ostacolo che si avverte in meditazione, impedire l'esperienza dell'unità, poiché il vero sè, imbrigliato in questa condizione, non riesce a rendersi conto della propria autonomia a causa dell'ignoranza, per la quale il sè scambia corpo, sensi e mente per il vero sè.
E questa mancanza di discriminazione tra sè e non sè, si dice sia la causa di ogni afflizione, se non altro per l'aspetto di instabilità caratteristico del non sè.
Con il sostegno della discriminazione avrà origine la libertà.
E questo, al ricercatore serio, appare chiaro da subito.
Sperimenterà varie fasi durante le quali percepirà la sua esistenza fisica come un involucro o come un abito, all'interno del quale si sentirà racchiuso, e nei momenti peggiori tale sensazione sarà accompagnata da senso di oppressione.
Il "meditante" meno preparato, invece, resterà catturato da questo suo microcosmo, soprattutto dal mentale, affascinato come un bambino al luna - park, dalla grande varietà di situazioni presenti dentro di lui e lì potrà perdersi per molto tempo, addirittura dimenticando l'esperienza-obiettivo che si era proposto.
Dicevamo che è la mancanza di discriminazione tra sè e non sè a trarre in inganno, facendo scambiare la visione soggettiva per la realtà .
Ciò è dovuto all'Avidya, parola sanscrita che sta per ignoranza.
Colui che percorre il sentiero della Yoga deve andare incontro ad una dura purificazione mentale prima di vedere insorgere in lui una capacità discriminativa oggettiva.

Amadio Bianchi
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Amadio Bianchi
Docente di Yoga, di filosofia indù e di massaggio Ayurvedico, Amadio Bianchi, è l'ideatore dell'evento ''Artisti per la pace - Gandhi 50 anni dopo '' che si è tenuto dal 24 al 30 di gennaio 1998 a Milano per ricordare il Mahatma a 50 anni dalla sua scomparsa e che ha visto il convergere di quasi tutti i movimenti spirituali e religiosi. Per l'occasione, in una struttura di quasi 9.000 posti a sedere si erano esibiti, per una settimana, gratuitamente oltre 300 artisti, provenienti da molte parti del mondo, dando vita ad un grandioso spettacolo di pace. E'entrato in contatto con il pensiero orientale pubblicando due quaderni di filosofia: ''L'Evoluzione '' e ''I Simboli'' che gli hanno permesso di scoprire la cultura orientale. Tiene corsi e conferenze un po' ovunque ed è spesso presente nei maggiori congressi in qualità di relatore. Dirige l'Ass. C.Y. Surya per il benessere psicofisico di Milano. Ha più volte collaborato con gli Enti Ufficiali Indiani e Italiani nell'organizzare incontri sulla cultura indiana.
MAIL: cysurya@cysurya.milano.it
WEB:
http://www.cysurya.milano.it
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 186 millisecondi