:: Home » Numeri » #86 » SUSSURRI » Il bel tempo
2002
25
Mag

Il bel tempo

Commenti () - Page hits: 2850
IL BEL TEMPO

Guardai attraverso la spessa finestra. Fuori, in basso, il lago luccicava sotto la luce del sole. Era bello.
Guardai il piccolo Ludwig, un bambino dolcissimo, biondo, gli occhi e la pelle chiari. Dentro come fuori. "Vuoi andare a fare il bagno?" gli domandai.
Saremmo scesi al lago.
"Sì" assentì Ludwig.
"Vieni, andiamo a metterci il costume." Andammo in camera da letto a cambiarci.
Non era stagione, e credevo che scendere al lago con quel sole sarebbe stato un rischio che potevamo permetterci di correre.
Ci infilammo i costumi da bagno e io presi in braccio Ludwig e gli asciugamani. Uscii dallo chalet e cominciai a scendere le scale, gradino per gradino, tenendo gli occhi fissi al cielo.
Arrivai in fondo alla rampa di scale, ed eravamo a pochi metri dall'acqua. Misi Ludwig a terra e gli dissi che poteva lanciarsi in acqua. Il bambino mi guardò un attimo e poi partì di corsa.
Io fissavo in alto nel cielo, attento.
Sentii il tuffo di Ludwig. Adesso lo stavo per raggiungere. Andai fino al molo, appoggiai gli asciugamani e mi tuffai nell'acqua. Era fredda, tersa, senza gusto. Ottima per un bel bagno.
"Ti piace?" domandai al bambino.
Ludwig in tutta risposta si immerse e tornò a galla con le guance gonfie d'acqua; mi venne vicino e me la spruzzò in faccia.
"Ah, brutto…" Mi immersi sott'acqua e cominciai a fare lo squalo, toccandogli i piedi, tirandolo delicatamente sotto, passandogli un'unghia sulla schiena morbida. Lo vedevo che dimenava l'intero corpo per la gioia.
Tornavo a galla, inspiravo, gli sorridevo, poi lui diceva: "Squalo! Squalo!" e io allora tornavo sotto.
Preso dal gioco non sorvegliavo più nulla, attorno.
Decisi che l'avrei sorpreso con uno straordinario attacco dal basso. Riemersi, inspirai quanta più aria possibile nei polmoni, mi ri-immersi e andai sul fondo, tre o quattro metri più in basso. Lì rimasi fermo per un attimo, tra le alghe, mi capovolsi e poi fissai in alto. Vedevo le gambe di Ludwig, e il suo corpo controluce. E in alto il sole. E poi… Dio!
C'era una figura che stava tuffandosi in picchiata verso l'acqua, una figura nera enorme…
Piantai i piedi nella sabbia e spinsi quanto più forte potevo, in direzione di Ludwig. Secondi, era questione di secondi.
Arrivai al bambino nello stesso momento in cui la figura lo stava ghermendo con gli artigli. Toccai i talloni di Ludwig, mentre salivo, cercavo di afferrarne il corpo ma non ci riuscivo, e quello mi veniva trascinato via, lontano.
Superai nella mia corsa la superficie dell'acqua, rompendola in mille spruzzi, frammenti di acqua, cercai di aggrapparmi con le mani all'animale che stava già volando via, ma era troppo tardi.
Un attimo dopo ero in acqua da solo.
Il Minleff si stava allontanando con il bambino tra gli artigli.
Non c'era nessun rumore.
L'acqua era fredda, tersa, senza gusto. Perfetta per un bagno.

Arthur Carponi
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Arthur Carponi
Arthur Carponi, nato a Mestre (Ve) il 24-01-1984, residente a Mogliano Veneto (TV), frequenta il Liceo Classico R. Franchetti a Mestre (VE).

CURRICULUM ARTISTICO

1° premio ''Trofeo Letterario Anonima GDR 2001'' (concorso per racconti di genere fantastico con tema ''Il drago'').

2° premio concorso letterario ''Inchiostro bizzarro'' (2001), indetto da ''Weird Ink'', rubrica di letteratura fantastica della rivista ''Inchiostro''.

2° premio concorso in occasione del 430° anniversario della battaglia di Lepanto (2002), indetto dall''Ordine dei Cavalieri di Malta e dalla Marina Militare'', con il saggio storico ''Europa, Venezia, Lepanto''.

Pubblicato all'interno della rivista di racconti ''Inchiostro'' (numero gennaio 2002) il racconto breve di genere fantastico ''Una bambina sì'', classificatosi secondo al concorso ''Inchiostro Bizzarro'' (vedi sopra).

Pubblicato all'interno della fanzine ''Fondazione'' (numero febbraio 2002), il racconto breve di genere fantascientifico ''Santa Barbara''.

Pubblicato all'interno della rivista letteraria ''Stradafacendo'' (numero di marzo 2002) il racconto breve di narrativa minimalista ''I miei limiti''.

Pubblicato all'interno della fanzine ''Anonima GDR'' (numero novembre 2001), il racconto breve di genere fantascientifico ''Questa notte credo che verranno'', classificatosi primo al ''Trofeo Anonima GDR'' (vedi sopra).

Menzione specialissima (sic) al concorso ''Bella scrittura per l'opera d'arte'' (edizione 2001), promosso dall'Assessorato alle Politiche Giovanili del Veneto e da IRRSAE VENETO.

Di prossima pubblicazione all'interno di un'antologia curata dalla redazione della rivista ''Inchiostro'', insieme a grandi nomi del fantastico italiano, il racconto ''Una bambina sì''.

Di prossima pubblicazione all'interno della rivista telematica ''Ouroboros'' (uscita di maggio 2002) il racconto breve di genere fantastico ''Novantanove''.

Di prossima pubblicazione all'interno della rivista di psicologia ''Tema'' (numero di marzo 2002), il racconto breve di genere psicologico-suspense ''Il significato''.
MAIL: arthurcarponi@netscape.net
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 214 millisecondi