:: Home » Numeri » #85 » VIAGGI » Gorilla in Uganda
2002
25
Apr

Gorilla in Uganda

di Memy
Commenti () - Page hits: 3050
Gorilla in Uganda

Dopo l'arrivo a Entebbe si parte per il Murchinson Falls National Park, il più grande dell'Uganda, famoso per le impetuose cascate del Nilo alte 45 metri e larghe 7.
Un'intera giornata di safari sarà dedicata alla zona del Nyamisika Plateau, punto ideale per l'osservazione degli animali e soprattutto dei grandi elefanti. Si arriverà quindi a Fort Portal da cui sarà visibile la catena dei Ruwenzori. Alle prime luci dell'alba un trekking nella foresta di Kibale fornirà l'occasione di avvicinare gli scimpanzé e gli altri abitanti dell'area; undici delle quattordici specie di primati ugandesi vivono a Kibale.
Si proseguirà per la spettacolare Semliki Valley dove vivono gruppi di pigmei che purtroppo non hanno conservato nulla della loro cultura originaria.
Dal Semliki Lodge si partirà per la navigazione sulle acque del lago Alberto e per un altro percorso di trekking alla ricerca degli scimpanzé. Tappa successiva sarà il famoso Queen Elizabeth N.P., ricco di tutti gli animali tipici delle savane africane e di grande interesse paesaggistico. Mete principali: il cratere, i laghi salati, il Chimp trekking nella spettacolare Kyambura Gorge e la navigazione sul Kazinga Channel, uno dei luoghi con la più alta concentrazione di ippopotami. Durante il trasferimento alla Bwindi Impenetrable Forest si attraverseranno zone con ampie coltivazioni di banane e arachidi; Bwindi nella lingua locale significa tenebroso, termine quanto mai azzeccato per descrivere una delle foreste più belle, ricche e intricate del pianeta.
Questo parco, con quelli confinanti del Rwanda e del Congo, protegge l'intera popolazione dei circa 650 gorilla di montagna rimasti. Sono solo due le famiglie che negli anni sono state abituate al contatto con i turisti: il gruppo Mubare composto da 17 elementi e il gruppo Habinyaja che ne conta 22.
Ogni giorno vengono rilasciati sei permessi per ogni famiglia. Si parte al mattino presto accompagnati dai ranger che, dopo aver impartito una lezione sul comportamento da tenere in presenza degli animali, facendosi strada nell'intricata foresta a colpi di machete, seguendo e insegnando a riconoscere le tracce, condurranno i visitatori a una ventina di metri dai gorilla. Per circa un'ora e mezza si avrà la possibilità di osservarli, senza disturbarli, nei loro comportamenti quotidiani.
Il Gorilla trekking si ripeterà per due indimenticabili giorni.
Rientrando verso Entebbe si avrà il tempo di un'escursione sulle rive del lago Vittoria, il più grande d'Africa, e per un tour di Kampala. Una quota del viaggio è destinata a finanziare il Dian Fossey Gorilla Fund che da anni si adopera per la protezione dei gorilla di montagna e di cui l'House of Wonders è attiva sostenitrice

Memy
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Memy
Memy, Nato a Modena nel 1966, maestro incisore, scopre circa otto anni fa la sua vera vocazione: viaggiare e conoscere luoghi e modi di vivere diversi dal suo.
Ha visitato diversi paesi, ma la grande passione è il Continente Nero (non per niente chiamerà Africa la sua primogenita) che ha visitato molte volte anche in veste di guida di safari. Mette l'esperienza che ha accumulato in questi anni e la passione che lo anima a disposizione di chi desidera conoscere il mondo, organizzando viaggi.
Questa attività la svolge come volontario per il Fondo per la Terra, associazione no profit che si occupa di attivare progetti di tutela ambientale in Africa, India e Sud America (www.fondoperlaterra.org).
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 151 millisecondi