:: Home » Numeri » #171 » LETTERATURA » Nora Daren: Il corpo, il suo supplizio - Maria Rosaria Cofano
2009
19
Ott

Nora Daren: Il corpo, il suo supplizio - Maria Rosaria Cofano

media 3.19 dopo 148 voti
Commenti () - Page hits: 5500

Bastogi – 2007 – 13,00 Euro

 
Romanzo appartenente al filone dark-esoterico, colto e coinvolgente, capace di suscitare adeguate sensazioni al genere sebbene non privo di ridondanti pieghe. Sintesi dell'altro libro, quello che narra e contiene, del colore alchemico sprigionante la "Vera Forma". Forma che sradica il dubbio come pure la stessa esistenza. Un libro che, misteriosamente, viaggia per essere recapitato a Nora Daren, la protagonista, per poi, attraverso un ancor più indecifrabile traghettatore, evitare puntualmente scaffali e catalogazioni attanagliando nuove vite per rendere altrettante fulminanti cognizioni. Libro, dunque, ermetico e persino sinistro, nondimeno mistico ed intriso del sangue del martirio, del vivere versato nella coppa dell'oblio, quella del pittore Vincent Daren, dove "la realtà plasma, devia, cambia" la ricerca della "Vera Arte". L'"idioma cromatico" che ritorna al caos, alla sua origine. Lui è un artista divenuto cieco che non indugia ad evocare Baudelaire esortando ad "ubriacare l'anima" per tornare alla "Vera Forma", ma resta ossessionato dai ricordi, imbrigliato in una lotta col sentimentalismo per affermare un'ostinata volontà di annichilimento del reale. Anacoreta nell'isolamento del sé dal mondo, sembrerebbe vivere i suoi ultimi giorni sotto una sperduta montagna francese per lasciare definitivamente il corpo, il suo supplizio, chiave di una trascendenza maniacale, turbata, possibile frutto di remoti traumi infantili. Emerge una follia rivelatrice, qualche retrogusto alla Polanski, ma anche accertate radici nella tradizione del noir ottocentesco con tanto di risvolti filosofici. Libro paradossalmente provvidenziale e nondimeno esiziale. Forma diaristica che ingloba un giallo a tema. Qui la morte è altresì taumaturgica per quanto contenuto nelle pagine, una forza personificata nell'inquietante ed altrettanto imponderabile presenza dell' "uomo normale" e la sua "margherita" che si perpetua ovunque. Libro che compare e sparisce per poi di nuovo divenire altrove, estremo consolatore, possibile forma di ricongiungimento alla coscienza primordiale nel delirio, chiusura del cerchio, consapevolezza di salvifiche emozioni. Monade che oltrepassa "il corpo" nell'atto estremo celebrato nel suicidio, "Vertigine del Grande Salto". Se "la realtà rende immortali le azioni scandite in un tempo che è già storia", "l'Attimo di Eterno è in noi, ma non riusciamo ad afferrarlo". "Lo stridor di denti", citazione di una parabola del Vangelo secondo Matteo, conduce Nora da Padre Adolfo, delimita l'inferno relegandolo alla paura dei sentimenti. Ma sarà soltanto dopo la morte della ragazza che il sacerdote verrà, a sua volta, travolto da quelle inafferrabili pagine mai tradotte dal francese. Qui si susseguono, nella trama, i pochi tratti di un ordinario poliziesco, col libro sottratto da un presunto impostore e un'indagine con risvolti palesemente grotteschi. Con Padre Adolfo resta il dubbio, o piuttosto lo si elude attraverso la fede, ciononostante si percepisce tutta l'energia che lo scaraventa ad una condizione pre-esistente, nel libro che risucchia. Una monade che rifugge il ruolo demiurgico del mondo, mummifica ogni dinamica di ciclicità immanente introitando l'immaginifico in luogo del reale, e, nell'annullamento, ritrova l'entità assoluta constatata e contrastata, azzerando, di fatto, il varco iniziatico aperto con la creazione. Notevole è la caratterizzazione psicologica dei personaggi che, soprattutto nella seconda parte, è posta in risalto attraverso la figura di Verena, la cinica sopravvissuta che diverrà sigillo dell'intera vicenda aprendo prospettive per ulteriori scenari, tutti ancora da scrivere e dove, soprattutto, nel culmine delle cose tutto è ancora possibile.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Enrico Pietrangeli
Enrico Pietrangeli, autore della raccolta di poesie ''Di amore, di morte'', pubblicata in versione cartacea (Teseo editore - 2000) ed in elettronica (Kult Virtual Press - 2002), collabora con giornali, riviste e siti internet da diversi anni. Presente sulla scena romana della poesia sin dagli anni Ottanta, ha curato anche rassegne e spettacoli, come Poesia da Bruciare (Pozzo degli Angeli-2002 e Teatro della Forma – 2003) e il “Sicilia Poetry Bike” nelle edizioni 2008 e 2009. Attraverso la traduzione poetica, si è dedicato all'opera di alcuni autori poco conosciuti, come Agusto dos Anjos, Delmira Agustini, Josè Maria Eguren ed altri. Redattore di Controluce e dell’Osservatorio Letterario, gestisce il sito ''Poesia, scrittura e immagine'' [www.diamoredimorte.too.it]. Ha recentemente pubblicato il suo romanzo d’esordio ''In un tempo andato con biglietto di ritorno'' (Proposte Editoriali – 2005) con una seconda edizione in elettronica (Kult Virtual Press - 2007) e una nuova silloge poetica dal titolo “Ad Istanbul, tra pubbliche intimità” (Il Foglio-2007)
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 150 millisecondi