:: Home » Numeri » #111 » SUSSURRI » Terrestrità
2004
25
Set

Terrestrità

Commenti () - Page hits: 2650
Terrestrità

La particella " se " dopo un nome,
crea una nota crescente di colore,
questo è un paesaggio di notte,
questo è un paesaggio della mente :
Come ?...
Visto dallo sguardo di un enorme uccello -

Beh! Notte crescente,
t'immagini di vedere il paese dall'alto,
il mio aerone è come un aereo,
ha un grande nome,
uso per farlo volare i pastelli Togo -

Le palme sono verdi e crescono, crescono!
In mezzo al mare,
sotto le cromie del cielo, proprio lì,
ti faccio atterrare, uccello Dalì,
e dalì ascolto il tuo suono.

Tu ti posi aerone su questa Terra,
come la barca nel grano,
bevendo acqua ti parlo : al Bar Giamaica,
di Milano.

La mia penna incendia la tela,
ma la tua tempera scompone,
la mia notte. Beh! Aerone tu vola,
su questa terra.

Mentre scomponi il cubo Magico,
e il Dado si scioglie al fuoco,
sogno : di leggere la pittura unica,
quella di una artista che espone,
un solo quadro,
e lì in lacrime, ti scriverò Oh! Mio poema -

Giancarlo Ferrigno

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 127 millisecondi