:: Home » Numeri » #110 » RPG » L'approccio al gioco di ruolo
2004
25
Lug

L'approccio al gioco di ruolo

Commenti () - Page hits: 2800
L'approccio al gioco di ruolo

In questi giorni con il mio gruppo di giocatori sto iniziando a giocare ad Exalted, un gdr consigliatomi in un forum e che pare molto ben fatto.
Non voglio dilungarmi su quelle che possono essere le caratteristiche di questo gioco, magari lo farò prossimamente (con un poco di esperienza alle spalle...^_^) ma vorrei discutere su come stiamo approcciando io ed il mio gruppo di giocatori questa "avventura".
Innanzi tutto preciso che siamo abbastanza navigati, perchè da almeno 15 anni giochiamo e ne abbiamo provati davvero tanti. Ed ogni volta che ne abbiamo acquistato uno si ripeteva sempre una sorta di rituale : l'incanto per il nuovo manuale che gelosamente veniva mostrato agli amici, chi diceva di averne sentito parlare bene e chi male, le prime occhiate alle classi... ed una caterva di errori madornali di noi inesperti corretti strada facendo.
Schede raffazzonate, spiegazzate e sporche; con segni di cancellature mal fatte ed appunti "bordo pagina" che lentamente aumentavano fino a spingere un giocatore a riscriverla.
Oggi stiamo vivendo un approccio molto diverso : internet ci ha fornito strumenti allora impensabili,come database e programmi fatti da appassionati che ti aggiornano automaticamente la scheda del personaggio, ti calcolano un tesoro e tirano pure i dadi! Tabelle di statistiche, manuali amatoriali pubblicati on line e gratuitamente, immagini a cui ispirarsi ed il filo diretto con i creatori o con altri appassionati più esperti che si mettono a disposizione per fugare qualunque dubbio o perplessità.
Questa nuova situazione ha forse fatto perdere un po' il fascino del manuale ed ha distorto il concetto di gioco di interpretazione per orientarlo di più verso un gioco di statistica, mettendo a disposizione risorse una volta inimmaginabili che, come Giano bifronte, hanno due facce : una è quella di completare il gioco e renderlo ancora meno limitato, l'altra è la faccia dell'appiattimento dietro la statistica nuda e cruda.
E' un concetto che si sposa bene con il famoso EUMATE (Entra Uccidi Mostro Arraffa Tesoro Esci) perchè rischia di diventarne un potenziamento, un catalizzatore ed un incentivo.
Ma la sensibilità del giocatore di una certa esperienza sta proprio nel capire dove finisce la statistica e dove inizia il personaggio vero e proprio, sta nel capire che un personaggio ben caratterizzato non deve essere per forza lo stereotipo del terminator ma qualcosa che tu giocatore senti come tuo.
Tutto questo ragionamento per arrivare a questa conclusione : quando iniziate a giocare di ruolo o un role-game nuovo acquistate di primo impatto solo i manuali indispensabili poi, mentre aumenta la vostra familiarità, puntate anche le altre espansioni. Ed in rete utilizzate i forum perchè sono pieni di persone che vi aiutano volentieri, persone che hanno già passato i vostri "guai" ludici e saranno lieti di darvi una mano. Oppure scrivete ai redattori di Kult Underground.... ^_^
Concludo questo articolo con dei ringraziamenti dovuti : il primo è alle persone con cui gioco di ruolo e con cui ho giocato, che non cito perchè sono davvero tanti; il secondo a Merilino666 ed il suo sito (
www.magoscuro.com/exalted), decisamente una delle migliori risorse disponibili in rete soprattutto per le persone che frequentano il forum.

Simone Bonetti
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simone Bonetti
Nato nel lontano 5 maggio 1977, il prode Bonetti si destreggia tra le campagne di Spilamberto e le incursioni nella ''metropoli'' Modena. Si crea una cultura fumettistica già da bambino, quando legge quintali e quintali di Topolino ereditati dai genitori. Percorso che si evolve fino a portarlo a leggere Garth Ennis colo suo ''Punitore''. Appassionato di libri di ogni genere, si fa portabandiera del genere fantasy soprattutto dopo l'inizio della sua ormai quindicinale esperienza di giocatore diruolo, con la mitica edizione di ''Dungeons & Dragons'' della Editrice Giochi.

La sua vita ha sempre avuto una colonna sonora, se il primo walkman si distrusse passando pezzi di Battiato, il secondo andò in frantumi con AC DC e Iron Maiden . Ha cercato di avere una cultura musicale discretamente vasta e variegata, grazie soprattutto alla sua insaziabile curiosità, ad alcuni amici (Grazie Cesare! Grazie Stefano!) ed all'interesse per le manifestazioni che chiamano in causa gruppi locali. Recentemente ha partecipato all'iniziativa ''Fresh'' dell'Unione Terre di Castelli. Di professione è un chimico tecnico dell'ambiente e della sicurezza che lavora in ceramica. Grande appassionato di basket ed hockey.

 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 135 millisecondi