:: Home » Numeri » #106 » SUSSURRI » Una canzone per arpa
2004
25
Mar

Una canzone per arpa

Commenti () - Page hits: 3100
Una canzone per arpa
Inscape in the Poetry of Mackay Brown



Sì quello che vorrei non è quello che è
Vorrei vorrei scrivere alla George Mackay Brown
Raccontare anch'io di mari in burrasca
E di visi solcati dalle rughe e dalla salsedine
Ed invece questo non sarà mai
La vita mia è più modesta
Non posso evocare gli eroi che non ci sono
L'epica appartiene al passato
Io vivo incollato alla sedia
Attaccato al computer
A scrivere questa persistenza della monotonia
Questo non mi darà lustro
Né diventerò ricordo indelebile della comunità locale
Ho solo questa mediocrità familiare come valore da sbandierare
Il resto è solo immaginazione che diventa sempre più scarna
Che impoverisce ogni giorno
Io comunque non mi allontano dal mio scranno
E continuo imperterrito il supplizio della scrittura uguale a sé
Un paesaggio interiore scarnificato
Deserto
Privo di spume sibilanti hissing spume
O drifts of rain raffiche di pioggia.


10 settembre 2003 h.10:27
one harp-song

post George Mackay Brown

Mario Pischedda
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 152 millisecondi