:: Home » Numeri » #106 » SUSSURRI » Investimenti
2004
25
Mar

Investimenti

Commenti () - Page hits: 3400
Investimenti

John Christopher Mulas era eccitatissimo quando finalmente entrò nella sala mensa della Standard Grain Ltd di Omaha. La sua impazienza si coglieva dai movimenti nervosi e scattanti e dall'accortezza con la quale reggeva il vassoio colmo di bustine di consommé liofilizzato e la caraffa di acqua naturale tiepida. Durante il tempo che aveva trascorso nell'atrio, però, in coda nella lunga fila di laboranti, era rimasto calmo e senza tentare di scavalcare nessuno; neanche di spingere chi gli stava davanti.
Ora, però, entrando nella sala, i suoi occhiali avvolgenti anti-esalazioni si giravano ripetutamente da destra a sinistra e viceversa, nel tentativo di abbracciare una visuale completa dell'ambiente. Reggendo per un attimo il vassoio con una sola mano, Mulas abbassò la mascherina ecologica sul collo e cercò un posto a sedere. Dopo averlo individuato, vi si diresse e si sistemò nella sedia di plastica, di fronte a un tizio quasi immobile.
Mentre aggiustava il vassoio per meglio consumare il pasto, lanciò uno sguardo all'altro commensale. John Mulas sembrava davvero impaziente di parlare con qualcuno. Cercò di leggere il numero di matricola stampato a chiare cifre sul petto dell'altro e gli parve di riconoscerlo. Il suo compagno di tavolo aveva già versato il contenuto delle bustine nell'acqua e stava mangiando lentamente, tirando su con una cannuccia, di quelle da un centimetro di diametro.
Si ricordò anche lui della cannuccia e per un secondo ebbe il sospetto che non l'avesse ritirata al banco. Controllò sotto le bustine e vide con sollievo che c'era. Cominciò e far cadere la polverina grigia nella tazza. Poi, guardando ancora l'uomo di fronte a lui, si disse: ma sì, è lui. "Salve!" lo salutò. "Tu sei McArtur, operatore di quarta serie al Reparto Confezioni, non è vero?".
L'altro lo guardò per un attimo da dietro gli occhiali scuri, ma con fare distratto, come se non avesse nessuna voglia di intavolare una conversazione. "Sì" grugnì con indolenza McArtur, e riprese a tirare su con la cannuccia.
Ma John Christopher non voleva rinunciare a scambiare due parole e chiese ancora: "Come va nel vostro settore?".
"Così" mugugnò l'altro.
"Ho una fame, oggi" riprese John. Nessuna reazione. Un silenzio. Poi di nuovo John, con una certa ansia di raccontare: "Sono rientrato oggi... sono stato in clinica per un po'... Ma ne è valsa la pena".
"Ah, sì" commentò l'altro, giusto per dimostrare un educato interesse.
John Christopher sorrise e dopo, senza parlare, abbassò i suoi occhiali avvolgenti mostrando all'altro due occhi azzurri con delle striature di verde. McArtur si chiese dove diavolo volesse arrivare, ma non potè fare a meno di abbassare anche lui gli occhiali scuri per verificare il grado di chiarezza degli occhi del suo interlocutore. Ma non chiese nulla.
John continuò, come se stesse rivelando una grossa notizia: "Ecco i miei gioielli. Mi sono fatto trapiantare gli occhi di un finlandese di venti anni, morto in un incidente nella Sezione Trasporti".
"Belli" fu il commento conciso di McArtur, che ora sperava di essere lasciato a mangiare in pace.
"Eh già. Li ho sempre desiderati" dichiarò soddisfatto John Christopher. Dopo un po', avendo assaporato completamente il piacere della rivelazione, e anche per dare anche all'altro la possibilità di dire la sua, chiese: "E tu, che interventi conti di fare in questo campo?".
"Beh" si rianimò McArtur, stuzzicato dall'interesse del vicino, e per non sembrare da meno di lui, "dall'anno scorso, per la precisione dal settembre del 2061, ho acceso un mutuo per ottenere un fegato poco usato. Potrò farmelo trapiantare appena le carte saranno a posto. Sai, mi piace bere un goccio di tanto in tanto, e il mio comincia a perdere colpi".
"Certo, hai fatto bene" convenne John Christopher. "A che serve guadagnare se non ci si toglie delle soddisfazioni? E poi, i soldi spesi per i trapianti sono l'unico investimento sicuro".

Giuseppe Cerone

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Cerone
Giuseppe Cerone è nato a Muro Lucano (Potenza) nel 1952. Si è imposto all'attenzione della critica nazionale con Il Muro Lucano (Ed. Nuoviautori, Milano), Poesia Circolare (Ed. Genesi Torino), Lo Scrittore (Ed. Garamond presentato nell'ambito della mostra "Libro 94", presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, da relatori d'eccezione quali Tullio De Mauro e Roberto Cotroneo e poi nel corso della trasmissione "Maurizio Costanzo Show" del 27-3.1995). Estensore di centinaia di articoli culturali, Cerone ha collaborato a diverse riviste, fra cui "Scuola e didattica". ed è stato membro della giunta del Premio Internazionale Magna Graecia. Molti critici e scrittori illustri hanno espresso giudizi più che lusinghieri sulla sua opera. Così lo descrive Roberto Cotroneo: "Mi sono arrivate le bozze di un libro. Di Giuseppe Cerone. Intitolate "Lo Scrittore". Lo pubblica una piccola casa editrice: Garamond. Giuseppe Cerone è un professore di inglese, di ottima cultura, che vive al Sud, ad Agropoli.Diversi anni fa scrissi un articolo proprio su L'Espresso (Mi manda Cerone, 28 aprile 1991) dedicato alle sue vicende editoriali. Due anni dopo è tornato sull'argomento, in prima pagina de La Stampa, Giorgio Calcagno. Perchè? Perchè Cerone scrive da anni romanzi e racconti e nessuno glieli pubblica. Direte voi: capita a molti. Ma Cerone può vantare una carta in più: le lettere del meglio tra i critici italiani che lo incoraggiano: "Caro cerone, ho letto il suo libro lo trovo moltointeressante. Continui a scrivere, continui..." I nomi? Geno Pampaloni, Claudio Magris, Giorgio Barberi Squarotti, Tullio De Mauro...e tanti altri. Cerone colleziona queste lettere e si illude che prima o poi verrà pubblicato. E invece no. Paradosso: nonostante la benedizione dei grandi nomi i suoi libri non riescono ad arrivare agli editori importanti. A quel punto a cerone viene un'idea: scrivere un libro sulla sua vicenda editoriale, intitolato "Lo Scrittore". Fatto di scambi epistolari con editori e critici, di telefonate, visite ed altro. E' un libro illuminante. perchè racconta, dal di dentro,cosa può accadere a un medio scrittore senza particolari doti letterarie. ma senza le cialtronerie degli scrittori improvvisati. Cerone non è peggio di molti autori che si pubblicano in Italia. Lo devono aver capito anche i suoi autorevoli interlocutori: "Un'essenzialità programmatica che dà origine spesso a risultati di straordinaria intensità e verità. Non conta di pubblicare la raccolta? Teniamoci in contatto" (Giorgio Barberi Squarotti) E ora esce questo testo. Che parla di libri rifiutati. Per 113 volte. Gli venne in mente di chiedere l'iscrizione al Guinness dei Primati come l'autore più rifiutato. Ma un certo Bill Gordon, americano, è arrivato a quota 176. Forza Cerone, ne mancano solo 63..."
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 185 millisecondi