:: Home » Numeri » #105 » SUSSURRI » Cercasi segretaria
2004
25
Feb

Cercasi segretaria

Commenti () - Page hits: 3050
Cercasi segretaria

Quello del 2061 è un inverno gelido a Stoccolma. Quando la ragazza dai capelli rossi entra con passo sicuro nella Stanza Colloqui, al primo piano del palazzo che è la sede del Servizio Reclutamenti, sta ancora rabbrividendo. Dietro la scrivania, stracolma di tastiere, c'è un ometto calvo, con gli occhiali di cristallo all'antica maniera.
La ragazza, dopo aver salutato con voce suadente, aspetta in piedi davanti all'addetto, il cui nome, come risulta dalla targa confusa fra i documenti, è Wilan Ludec. "Si accomodi" le fa l'uomo, che intanto prende a esaminare delle schede. Cade un silenzio.
"Allora" dice l'uomo, dopo aver trovato ciò che cercava, "dunque, vediamo... Lei si presenta per l'incarico di segretaria. Lei è la signorina..."
"Sandra Siegler" dice pronta la ragazza.
"Ha venticinque anni, è diplomata... Va bene, vedo che ha già lavorato per qualche anno alla Bitam Corporation...Servizio Riciclaggio".
"Sì, è così" conferma la ragazza.
"Come mai ha lasciato il precedente impiego?".
Il pensiero di Sandra, inspiegabilmente, torna a Yossarian, un uomo ormai vecchio, che aveva conosciuto al Servizio Riciclaggio, e con cui, neanche questo riesce ancora a spiegarsi, aveva avuto una storia. Forse era stata la luce che aveva colto nei suoi occhi, una luce profonda, come se si rendesse perfettamente conto dell'inutilità dell'esistenza che conducevano. Ma sapeva che non ci sarebbe stato futuro per loro; lei era ancora tanto giovane e non voleva arrendersi..."
"Signorina, le ho chiesto come mai..."
"Sì, mi scusi. Beh, mi capisca, sono giovane e non mi andava di trascorrere il resto della mia vita con persone senza entusiasmo, come quelli del Servizio Riciclaggio. Insomma, se mi è consentito dirlo, ho delle ambizioni. Magari fare carriera e giungere al Terzo Gradino di Benessere. Dopo il Srvizio Riciclaggio ho provato a fare altre cose, ma...".
"Bene, bene, mi pare giusto" taglia corto Ludec. "Ora le farò alcune domande. Risponda sinceramente. Dopo passeremo alle prove attitudinali".
L'uomo le chiede varie cose, sia per valutare il suo grado di efficienza che per verificare la sua cultura. Vuol sapere se è a conoscenza delle nuove tecniche di elaborazione ottica, se sarebbe disposta a lavorare nella Base Tundra, cosa ne pensa degli immigrati dalle zone occupate e se ha nulla in contrario a lavorare con loro spalla a spalla. Le chiede anche se ha legami particolarmente vincolanti.
La ragazza risponde con naturalezza a tutte le domande, mostrandosi matura e sicura di sé. Alla fine, nella sala cade un nuovo silenzio.
"Ah, dimenticavo" dice l'uomo d'un tratto, guardandola di sfuggita, "lei conosce l'eskimo e l'anglovisivo, naturalmente!".
"Sì, certo" risponde ancora la giovane. L'uomo si alza e la conduce verso il Simulatore, situato in un angolo della stanza. La invita a sedersi sul seggiolino.
"Questo che vede è il Simulatore Hydraplus; servirà a misurare il tempo di esecuzione di alcune delle prossime prove tecnico-pratiche". Applica dei terminali alla testa, alle mani e al resto del corpo della ragazza. Subito dopo Sandra Siegler comincia a eseguire la lunga serie di manovre che l'uomo le indica. I risultati compaiono di volta in volta sullo schermo alle spalle della ragazza. L'uomo ne prende nota senza parlare.
La ragazza ricopia e ricompone velocemente messaggi, elabora dati, esegue operazioni decisionali simulate, e sembra che faccia tutto con grande competenza. Del resto, si stava già esercitando da un anno. Ora riesce a digitare con le mani su due tastiere diverse, mentre i suoi occhi, quasi indipendenti l'uno dall'altro, seguono singolarmente le operazioni. Anche le sue orecchie sono sintonizzate su due microfoni che impartiscono direttive contrastanti.
Ma la ragazza conduce la prova con collaudata esperienza e grande rapidità. I suoi polpastrelli sembrano animati da un'autonoma vitalità e digitano con sicurezza e precisione. E intanto prova a pensare che forse le daranno il nuovo impiego che sogna: un incarico a tempo indefinito nella Base T., dove sa che stanno allestendo complessi residenziali dotati di tutte le comodità, con riscaldamenti mediante reattori nucleari. Inoltre avrebbe ottime prospettive di carriera e di scatti di credito.
Dopo la prova, Ludec le stacca i cavi e la precede verso la scrivania. La giovane si risiede davanti a lui, rimettendosi in ordine il vestitino di tetrasan. Passano alcuni secondi. L'uomo le dà un foglio da firmare. Lei, obbediente, appone la sua sigla. Passa qualche altro secondo.
"Va bene, abbiamo finito" conclude l'uomo, mettendo a posto la cartella e inserendo un'ultima scheda nell'elaboratore. Ma la ragazza non si muove dalla poltroncina. Ludec la guarda, strizzando gli occhi dietro alle lenti spesse. "Sì?" dice.
"Ecco..." comincia la ragazza. Poi si ferma. Riprende coraggio e in tono dimesso, con cortesia, chiede: "Potrei sapere qualcosa..." Nei suoi occhi si accende la speranza.
"Signorina Siegler" interviene lui, "io sono solo un selettore e quindi non spetta a me... Saranno i computer centrali ad analizzare un suo inserimento nei Programmi di Sviluppo Subartico".
"La prego, sia gentile" implora la ragazza. Poi aggiunge: "Sono anche capace di consultare parecchio materiale in pochissimo tempo e farne un succinto resoconto..."
"Anche i computer lo sanno fare. E noi ci fidiamo più delle macchine" dice Ludec, freddo. Poi, mosso da un impeto di compassione, aggiunge: "Insomma, tutto quello che posso darle è un mio parere personale. Ecco... vede... se vuole...considerando gli altri candidati esaminati oggi, be'...le posso dire che lei non ha particolari funzioni. Mi dispiace... Forse per lei sarebbe stato meglio rimanere al Servizio Riciclaggio". Sandra lo guarda delusa.
"Ora può andare, grazie". Ludec, che ha ritrovato tutta la sua fredda impassibilità, le indica la porta. Poi, rivolto all'interfono, dice: "Avanti un altro".

Giuseppe Cerone

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Cerone
Giuseppe Cerone è nato a Muro Lucano (Potenza) nel 1952. Si è imposto all'attenzione della critica nazionale con Il Muro Lucano (Ed. Nuoviautori, Milano), Poesia Circolare (Ed. Genesi Torino), Lo Scrittore (Ed. Garamond presentato nell'ambito della mostra "Libro 94", presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, da relatori d'eccezione quali Tullio De Mauro e Roberto Cotroneo e poi nel corso della trasmissione "Maurizio Costanzo Show" del 27-3.1995). Estensore di centinaia di articoli culturali, Cerone ha collaborato a diverse riviste, fra cui "Scuola e didattica". ed è stato membro della giunta del Premio Internazionale Magna Graecia. Molti critici e scrittori illustri hanno espresso giudizi più che lusinghieri sulla sua opera. Così lo descrive Roberto Cotroneo: "Mi sono arrivate le bozze di un libro. Di Giuseppe Cerone. Intitolate "Lo Scrittore". Lo pubblica una piccola casa editrice: Garamond. Giuseppe Cerone è un professore di inglese, di ottima cultura, che vive al Sud, ad Agropoli.Diversi anni fa scrissi un articolo proprio su L'Espresso (Mi manda Cerone, 28 aprile 1991) dedicato alle sue vicende editoriali. Due anni dopo è tornato sull'argomento, in prima pagina de La Stampa, Giorgio Calcagno. Perchè? Perchè Cerone scrive da anni romanzi e racconti e nessuno glieli pubblica. Direte voi: capita a molti. Ma Cerone può vantare una carta in più: le lettere del meglio tra i critici italiani che lo incoraggiano: "Caro cerone, ho letto il suo libro lo trovo moltointeressante. Continui a scrivere, continui..." I nomi? Geno Pampaloni, Claudio Magris, Giorgio Barberi Squarotti, Tullio De Mauro...e tanti altri. Cerone colleziona queste lettere e si illude che prima o poi verrà pubblicato. E invece no. Paradosso: nonostante la benedizione dei grandi nomi i suoi libri non riescono ad arrivare agli editori importanti. A quel punto a cerone viene un'idea: scrivere un libro sulla sua vicenda editoriale, intitolato "Lo Scrittore". Fatto di scambi epistolari con editori e critici, di telefonate, visite ed altro. E' un libro illuminante. perchè racconta, dal di dentro,cosa può accadere a un medio scrittore senza particolari doti letterarie. ma senza le cialtronerie degli scrittori improvvisati. Cerone non è peggio di molti autori che si pubblicano in Italia. Lo devono aver capito anche i suoi autorevoli interlocutori: "Un'essenzialità programmatica che dà origine spesso a risultati di straordinaria intensità e verità. Non conta di pubblicare la raccolta? Teniamoci in contatto" (Giorgio Barberi Squarotti) E ora esce questo testo. Che parla di libri rifiutati. Per 113 volte. Gli venne in mente di chiedere l'iscrizione al Guinness dei Primati come l'autore più rifiutato. Ma un certo Bill Gordon, americano, è arrivato a quota 176. Forza Cerone, ne mancano solo 63..."
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 157 millisecondi