:: Home » Numeri » #103 » SUSSURRI » Eva surreale
2003
25
Dic

Eva surreale

Commenti () - Page hits: 2350
Eva surreale

Eva, la mela la raccolse,
non la colse,
era caduta dall'albero,
per la forza del sempre vero,
quel giorno, ci fu più gravità,
la luna immobile, stette zitta.

Passò! Di lì, solo per caso,
un prete ed Eva, lo sposo,
trovò.
Il matrimonio, adesso,
era permesso,
anche la chiesa,
accettò la sposa.

Si trattava :
di una nuova metafisica,
sei-sei-sei :
sono uova,
castagne e coca-cola,
oggetti, per chi gode e chi non gode,
relazioni varie,
dettate, dal gusto delle nuove mode.

Poiché, nessuna norma naturale,
trae valore,
nel fondare : un essere,
di scelta : casto, ma vitale,
Eva come da prassi,
tradì.

Eppure! Vi dico : trovassi Eva,
nel futuro,
mangerei, solo le fragole del bosco,
falsificando, una storia sempre viva,
e fuori da ogni controllo.
Ora capisco :
la psicanalisi e il marxismo,
sono le scienze di Eva, metafisiche non falsificabili.

Allora! Come posso smentire, con facili,
parole,
la puttana mela di Eva?

Ragazze, se riuscite ad essere diverse,
a non essere, sempre le solite, dottoresse dell'inganno,
se riuscite a capire che, le malattie mentali,
sono simulazioni del peccato originale,
sono trappole prestazionali,
fatemi :
uno squillo, qualche squillo,
tanti squilli.

Giancarlo Ferrigno


 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 151 millisecondi