:: Home » Numeri » #101 » SUSSURRI » Voci che sussurrano
2003
25
Ott

Voci che sussurrano

Commenti () - Page hits: 2500
Voci che sussurrano

Salve a tutti.
Molti di voi, mentre leggeranno queste parole, saranno alla festa annuale della nostra rivista, che ormai comincia a diventare vecchiotta...chi avrebbe detto che ci saremmo ritrovati ancora qui dopo tanti anni e tanti cambiamenti? E' un bellissimo traguardo: nel mio piccolo ormai mi sento legata a tutti quelli che hanno collaborato a Sussurri, ricordo i nomi che sono passati, le parole e i sentimenti che avete voluto condividere con noi, e a tutti dico GRAZIE, grazie di cuore di esistere, di avere qualcosa da dire.
Oddio, spero di non essere caduta nello sdolcinato, ma una volta tanto perdonatemi.
Torniamo a noi, al numero di ottobre, come sempre ricco e vario: si spazia dalle voci nuove come l'intensa Anna Ricciardi, a figure storiche di Sussurri come Mario Pischedda, fino a graditissimi ritorni come Marco Milani (con un racconto davvero divertente), e non mancano gli attesi romanzi a puntate di Alessandro Zanardi e Simone Scataglini.

_____________________


Apriamo proprio con un romanzo, quello di Simone Scataglini, Un angelo sporco di sangue, di cui vi offriamo il quinto e sesto capitolo. Ricordo ancora una volta che l'opera è edita dalla Prospectiva editrice, sul sito della quale potrete anche acquistare il romanzo.
Ma è piacevole anche gustarsi a poco a poco queste pagine drammatiche, forti, mai rassicuranti, e soffrire in uno stillicidio continuo per la piccola Federica violata dal padre, per il suo dolore, per la perdita brutale della sua innocenza, ricordando sempre che questa, purtroppo, è la vita, non solo una pagina ben scritta.


_____________________


Dopo tante emozioni, riprendiamo fiato con 72 minuti di shopping, lirica semiseria e romantica di Giancarlo Ferrigno. Chissà quante lettrici si riconosceranno nel verso, bellissimo "alla mia futura sposa, simpatica e noiosa, col suo modo senza tempo di fare shopping".

_____________________


Veramente divertente è il racconto (a puntate anche questo) di Marco Milani, Baby Red, una sorta di sceneggiatura con protagonisti bambini, che comunicano tra loro con muti messaggi qui tradotti in modo irresistibile...il pensiero immediato va alle scenette di Aldo, Giovanni e Giacomo nella pancia della mamma: battute impagabili e personaggi che sarà difficile dimenticare, come i due gemellini naziskin in erba.

_____________________


Si parla sempre di bambini, ma con pochi versi intensi ed essenziali, nella lirica Due bambini- Welling CT, di Alessandro Helmann. Le parole diventano vento e corsa sfrenata, e un mondo infantile è racchiuso in un'immagine senza tempo.

_____________________


Le liriche di Mario Pischedda sono sempre splendide, sia quando contengono amare riflessioni sulla banalità dell'esistente, sia quando dipingono quadri malinconici e stralunati del reale: come in Firenze- C'est le noir, con la città buia e umida, osservata controluce da occhi appannati dall'alcool.

_____________________


Dopo un nome storico, un'assoluta novità per Kult (e speriamo che diventi un'ospite fissa), l'intensa, struggente Anna Ricciardi.
La lirica Julian Beck è bellissima, e lascia un senso indefinito di disperazione, un presagio di qualcosa che non si riesce ad afferrare. Indimenticabile l'ultimo verso: Il mio arrivo sarà una goccia di pianto/ sparsa nel vento.

_____________________


Abbiamo aperto con un romanzo a puntate, e chiudiamo con un romanzo a puntate, anche se l'atomosfera è decisamente molto diversa: si passa dalla crudezza di Scataglini al fantasy di Alessandro Zanardi, che propone il terzo e il quarto capitolo di Terra Rossa (all'inizio trovate la versione corretta della citazione dei Garbage già comparsa nello scorso numero). Abbiamo conosciuto l'ambientazione della vicenda, entriamo ora nel vivo della storia d'amore, grande omaggio all'immortale Romeo e Giulietta, anche nella citazione della notte di passione trascorsa dai due innamorati.


_____________________


E' giunto anche per questo mese il momento di salutarci; non mi resta che complimentarmi con chi sarà premiato nel corso della nostra festa, e con tutti quelli che continuano a collaborare e a inviarci idee nuove. A presto

Lorenza Ceriati
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 1214 millisecondi