:: Home » Numeri » #95 » LETTERATURA » Il mistero degli studi Kellerman
2003
25
Mar

Il mistero degli studi Kellerman

media 2.33 dopo 6 voti
Commenti () - Page hits: 10k
Il mistero degli studi Kellerman
Ken Follett3
Best-seller Mondadori

Se avete giusto un fine settimana da dedicare ad una lettura, e non vi dispiacciono i gialli per ragazzi, questo libro5 di Ken Follett probabilmente fa proprio al caso vostro. So che forse definire un romanzo di Follett "un giallo per ragazzi" vi potrà sembrare un po' un sacrilegio, ma in questo caso l'autore ha volutamente rinunciato a molti degli elementi che lo contraddistinguono per realizzare una testo, comunque brillante, ma complessivamente lineare e più semplice del consueto. Un testo che sul suo stesso sito viene classificato come children's book ma che nell'edizione italiana che ho comprato (quella del 20024) non ha nessuna indicazione che aiuti a distinguerlo dalle spy-story a cui magari siamo abituati, scatenando in certi casi6 la delusione di alcuni ignari lettori.

Ma veniamo alla trama: Mick, ragazzo "povero", che abita con la madre in un palazzo da cui li vogliono sfrattare, incontra e fa amicizia con Izzy, ragazzo "ricco" con un padre che lavora nel campo dello spettacolo. Sui giornali, nel periodo in cui si
incontrano1, non si parla d'altro che di una banda di rapinatori di banche che fanno colpi mascherati, e Mick, come tanti altri ragazzi della sua età, rimane colpito dalla inafferrabilità di questi malviventi. E quando entrerà di nascosto negli studi Kellerman (chiusi al pubblico da tempo), accompagnato da Izzy che li conosceva grazie al padre, scoprirà suo malgrado come sia facile finire in grossi guai quando capita di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato...

La storia, ovviamente a lieto fine, sa forse un po' di già sentito, e alcuni passaggi sembrano veramente scontati... ma non è forse questo che ci si aspetta da questo tipo di racconti? L'estate, l'amicizia, i giri in bici, i problemi dei grandi, che sono di riflesso anche i problemi dei ragazzi, la voglia di curiosare dove non si dovrebbe con quella sensazione sottile di essere in procinto di scoprire qualcosa, per diventare di conseguenza eroi. E tutto questo, in questo libro, è sommato al gradevole "trucco" di non far comprendere ai protagonisti quello che subito è chiaro a chi legge, innescando quel senso di anticipazione che ti fa "divorare" velocemente pagina dopo pagina per vedere COME esattamente capita ciò che sappiamo già che sta per capitare.

Come accennato all'inizio questo non è esattamente un libro alla Ken Follett, se per libri di Ken Follett abbiamo in mente cose come "Codice a Zero", "La cruna dell'ago", "Notte sull'acqua" e via dicendo. Stupisce, anche se per motivi opposti, come stupisce la lettura di "I pilastri della terra", opera a mio parere splendida quanto dissimile dal resto della sua produzione principale per l'ampiezza dell'ambientazione, la profondità della ricerca architettonica e per l'epopea che viene imbastita, fittamente intrecciata a dati storici reali. Forse, ma anche questo è un parallelismo approssimativo, "Il mistero degli studi Kellerman" ricorda un poco "Alta finanza" (anch'esso ambientato a Londra). O forse, più semplicemente, questo libro è un
discorso a sé2, un desiderio dell'autore di colpire (e affondare) in un campo che non è esattamente il suo, imbastendo in poche pagine una storia intrigante, pregna di quei piccoli particolari che sapevano colpirci quando eravamo ragazzi e che ancora oggi lasciano un buon gusto in bocca, finita la pur breve lettura.

Marco Giorgini

1
...entrambi lavorano part-time come "paper-boy" per la stessa persona...

2
come probabilmente lo è "L'occhio del drago" per Stephen King...

3
Ken Follett (Cardiff, 5 giugno 1949)

Rimandiamo, per approfondimenti e bibliografia a:

http://www.ken-follett.com/
http://user.aol.com/hnmibarich/follett.htm
http://www.mondadori.com/libri/cover/follett/v04.html

4
...casualmente, l'edizione precedente del 1998, sempre della Mondadori, era stato inserito appunto nella collana Nuovi Gialli Junior...

5
...pubblicato la prima volta nel 1976, con il titolo "The Mystery Hideout"...

6
...leggete, ad esempio, i commenti che appaiono su www.internetbookshop.it...

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Marco Giorgini
Marco Giorgini è nato a Modena il 21 Agosto 1971 e lavora come responsabile del settore R&D in una delle più importanti software house italiane che si occupano di linguistica applicata. Dal 1994 coordina la rivista culturale KULT Underground e dal 1996 la casa editrice virtuale KULT Virtual Press; ha tenuto conferenze, e contribuito ad organizzare mostre e concorsi letterari, tra cui ''Il sogno di Holden''. Da marzo 2005 è autore di una striscia a fumetti sul mondo degli esordienti chiamata Kurt.
MAIL: marco@kultunderground.org
WEB:
www.kurtcomics.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 134 millisecondi