:: Home » Numeri » #94 » SUSSURRI » Voci che sussurrano
2003
25
Feb

Voci che sussurrano

Commenti () - Page hits: 2450
Voci che sussurrano

Un bentornato a tutti gli amici di Kult. Eccoci a febbraio, sembra che stiamo per uscire dal grande freddo, e l'atmosfera di Carnevale è ricreata ad arte nei grandi magazzini; ma a Sussurri è ancora il momento della riflessione e dell'inquietudine creativa. Un mese prevalentemente dedicato alla lirica, al sentimento, al dispiegarsi dei sentimenti interiori e della bellezza delle parole. Dovrei citare tutti gli autori, ricordare la loro intensità; ma stavolta credo sia meglio naufragare subito nel mare della poesia....

________________

Visto che parliamo di naufragio, e scusatemi il gioco di parole, l'incipit più adatto é senz'altro La voce dei pesci e del silenzio, di Giancarlo Ferrigno; martellante proclama al verso e alla libertà dell'autore, con richiami frequenti al mito greco, all' "inclito verso di colui che l'acque cantò fatali, e il diverso esiglio...", a Omero quindi, e a Ulisse perso nel mare. Cito Foscolo, perché nessuno come lui ha inserito la mitologia nella sostanza della sua poesia.

________________

E dal mare popolato di tragici eroi e di sirene, passiamo alla spiaggia, su cui incedono le affascinanti sirene dei nostri giorni. Non è tutto in versi questo numero di Kult, ma la nuova opera di Enzo Moschetta, il Poema del calore, può essere letta - lo dice il titolo stesso - come una sorta di poesia in prosa, un inno sensuale alla bellezza femminile, al corpo che brucia i sensi. Come al solito l'autore sperimenta in libertà la parola, così viva e carnale in lui; ma sottovoce mi permetto di dire che comincio a trovare un po' stucchevoli queste esaltazioni delle donne sudamericane tutte ballo e bollori....spero vivamente che abbiano passato lo stadio "animale"....

________________


E' strano come a volte un filo rosso leghi tra loro le opere di Sussurri, quasi un'ispirazione collettiva misteriosa e affascinante; si parla di ballo in Moschetta, e ritorna la danza in Pietro Pancamo; anche se in Danzai la musica è quella dell'amore, che si irradia "nei rivoli del tempo" (splendida immagine!), all'ombra di un Dio sibillino (ancora la mitologia, ancora misteriosi dei).

________________


Abbiamo già conosciuto Marco Milani per racconti indimenticabili come La festa degli angeli, e conosciamo quindi la grandissima fascinazione di questo autore per il mondo al di là del confine, il limite che ci respinge e ci attrae: la morte - il dopo, e quello spazio indefinito tra il "qui" e il "Là". Temi, tutti, che si ritrovano nel racconto Notte chiara, scritto in uno stile impalpabile, lieve, un mezzo sorriso sul nulla.

________________

Ancora brezza marina, ancora profumo di donna, nel dolcissimo frammento poetico di Marco Saya (il titolo della raccolta, Frammenti, è dato dalla redazione per esigenze tecniche); lo struggimento è quasi fisico, e fa trattenere il fiato, come spesso accade nelle liriche così musicali di questo autore, che ben conosciamo.

________________


Ancora una raccolta lirica, stavolta del raffinato Nicola Vassallo, che in Inquietudini esplora i meandri della mente, dell'angoscia, della fragilità umana, attraverso perfette, circolari architetture liriche, in cui si nota (il pericolo in agguato è quello dell'artificiosità) la ricerca accurata della parola, dell'immagine, del verso. Bellissimo quel "mi sento diventare fibra d' un velo di vapore".

________________


Sono davvero felice di poter commentare, dopo qualche tempo, l'opera di un grande, da molto tempo ospite occasionale di Sussurri: si tratta di Mario Pischedda, inconfondibile nella sua calma disperazione, nella naturale spontaneità del verso; come in quest'ultima Una domenica qualunque, in cui i richiami alla quotidianità (quel "cibo senza allegria") esprimono tutto - senza retorica, senza parere -della nostra vita moderna.

________________

Chiusura migliore non poteva esserci di Al futurismo digitale, necessario inno al poeta virtuale, il Marinetti del Duemila. L'autore è Enrico Pietrangeli, e l'opera è tratta, come diverse altre che abbiamo pubblicato, dalla raccolta D'amore, di morte; raccolta non solo "internettiana", ma anche acquistabile in libreria!

________________

E per questo mese abbiamo davvero terminato; non mi resta che ringraziare tutti, autori e lettori, e per invitare chi avesse opere prime nel "cassetto" a farsi avanti.
Arrivederci al prossimo mese!

Lorenza Ceriati
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 159 millisecondi