:: Home » Numeri » #167 » LETTERATURA » I Ragazzi Di Regalpetra - Gaetano Savatteri
2009
28
Giu

I Ragazzi Di Regalpetra - Gaetano Savatteri

media 3.14 dopo 127 voti
Commenti () - Page hits: 4750


Pagg. 296 Euro 18 Rizzoli Editore

Lo scrittore, nato a Milano da genitori di Racalmuto, ritorna, dopo il libro "Uno per tutti", alla saggistica. Ci descrive la guerra tra mafiosi e stiddari che ha insanguinato il suo paese, guerra che, iniziata il 21 luglio del 1990 si è protratta sino al 2006. Impressionanti le cifre della faida:venti omicidi, due stragi, due casi di lupara bianca, un suicidio, tre manifestazioni contro la mafia. Savatteri vuole  comprendere perché molti suoi coetanei, hanno deciso di aderire alle mafie e si mette alla loro ricerca; visita carceri, intervista l'ex boss Maurizio Di Gati, garzone di barbiere assunto al grado di boss, i suoi  fratelli Beniamino e Roberto, Ignazio Gagliardi, Alfredo Sole, molti dei quali non usciranno più dal carcere, "pena finita mai". Persone che lo scrittore non giustifica perché hanno deciso di attraversare una loro personale "linea d'ombra" anche se oggi sono quasi tutti pentiti. Gente disposta ad uccidere tranne il venerdì, giornata di dolore, ai quali contrappone i giovani di "Malgrado tutto", la rivista fondata dallo stesso scrittore e da altri giovani che si avvalse delle preziosi collaborazioni di Sciascia, Nanà per gli amici, compaesano di Savatteri, di Bufalino, di Collura. Due mentalità a confronto: la legalità e l'illegalità, la cultura contrapposta ad una violenza furiosa e cieca. Per lo scrittore "La Sicilia è la patria ideale perché è una terra priva di giustizia, umanità e verità" e dalle pagine del libro emerge la difficoltà e l'impotenza  a cambiare la cultura dei siciliani. Il libro è un omaggio a Sciascia, non a caso lo scrittore ambientò il suo primo libro a  Regalpetra-Racalmuto  , da qui il titolo del volume,  uomo dai lunghi silenzi, maestro di vita per l'autore e per una generazione di giovani che , soprattutto grazie a lui, hanno creduto nell'importanza della cultura, nella speranza di un mondo migliore. Forse, con questo libro, lo scrittore  vuole saldare il "debito" con il paese nel quale è cresciuto e del quale "da disertore" è scappato, perché non vi era altra scelta.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 134 millisecondi