:: Home » Numeri » #167 » COMPUTER » Mondo libero
2009
4
Giu

Mondo libero

media 3.06 dopo 183 voti
Commenti () - Page hits: 6400
 
Lo scopo è diffondere l'idea di tecnologie libera ed accessibile da tutti utilizzata e da tutti migliorata in contrapposizione con l'idea di patenti e licenze proprietarie. I vantaggi di questo genere di idealismo sono numerosissimi e vanno dall'abbattimento dei costi di acquisto di un software fino alla possibilità di ritrovare in rete qualsiasi tipo di programma senza il minimo sforzo rendendo realmente accessibile al mondo la tecnologia. Il rilascio del Codice sorgente, inoltre, rende possibile da parte di qualunque appassionato di informatica il miglioramento di un prodotto la creazione di funzionalità aggiuntive e quant'altro. In Italia l'idea di software libero sta prendendo sempre più piede e sono ormai numerosi i siti che raccolgono un elenco del cosiddetto CDopen (http://it.wikipedia.org/wiki/Elenco_di_programmi_open_source).
 
 
La possibilità di manipolare il programma rende possibile la creazione di un software personalizzato costruito cioè su misura per le esigenze dell'utente ed allo stesso tempo la sua resa efficace permette l'abbattimento di inutili costi in termini di licenze e di spazio memoria grazie all'eliminazione di prestazioni inutilizzate ed all'ottimizzazione delle performance attese. Uno degli ultimi progetti della FSF è l'adozione di lettori PDF liberi attraverso la campagna PDFreaders.org (all'ononimo sito web) per la liberalizzazione del famosissimo Portable Document Format utilizzato per la lettura standard e multipiattaforma dei documenti. Le alte possibilità offerte da questa libertà di pensiero iniziano a farsi strada anche nella Pubblica Amministrazione dove si comincia a fare i conti con la coscienza morale che vincola alla scelta di buone tecnologie a costi contenuti a svantaggio delle grandi multinazionali. Le tecnolgoie Open hanno meno vincoli e sono quindi in continuo sviluppo con nuovi rilasci e aggiornamenti, in più la presenza di forti comunità di programmatori alle spalle di ogni prodotto rendeno molto semplice l'assistenza in caso di difetti ed abbattono la possibilità di errori di codice e infezioni virali. Malgrado alcuni accaniti continuino a combattere questa filosofia, è impossibile negare che l'avvento di internet, e la reperibilità di programmi sempre diversi e alternativi in rete obblighi, in qualche modo, a questo cambiamento di politica che deve essere visto con un modo per rendere finalmente un giusto servizio alla comunità mondiale.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Sara Ferraiuolo
Sara Ferraiuolo è nata a Castellammare di Stabia, nel napoletano, il 21 Maggio 1983 e lavora come copywriter free lance per alcune riviste del web ed aziende. Appassionata di scrittura tratta numerosi temi, dalle applicazioni informatiche all'antropologia, passando per la cucina e le nuove tecnologie.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 540 millisecondi