:: Home » Numeri » #166 » LETTERATURA » Il Silenzio dei Chiostri - Alicia Giménez-Bartlett
2009
30
Mag

Il Silenzio dei Chiostri - Alicia Giménez-Bartlett

media 3.01 dopo 197 voti
Commenti () - Page hits: 3950
 
 
La scrittrice spagnola , inventrice del commissario Pietra Delicado e del suo vice Fermín Garzón, dà vita, con questo ultimo libro,  ad una storia complessa, abilmente architettata, , ricca di colpi di scena. Ambienta questo suo ultimo volume all'interno del convento delle suore del Cuore Immacolato dove vengono trafugate le reliquie del Beato  Arsenico De Montcada e dove viene ucciso frate Cristòbal dello Spirito Santo. Indagini difficili, complicate e i due, alle prese con i due nuovi matrimoni ,in modo particolare Pedra che si deve occupare dei tre figli del marito Marcos, nelle quali si buttano a capofitto, tenaci, duri, disposti a tutto pur di scoprire la verità dell'omicidio e del furto delle reliquie. A complicare ulteriormente il caso, il ritrovamento di un biglietto con la  scrittura gotica che riporta la frase "cercatemi dove più  non posso  stare", le deviazioni delle indagini, l'omertà di un convento, descritto molto egregiamente, diretto da suora Guillermina che fuma continuamente, il profilo psichiatrico dell'assassinio redatto dal dottore Beltrán, le indagini storiche di frate Magì, la morte di un'anziana donna , Eulaila che forse ha assistito all'omicidio di frate Cristòbal. La coppia di investigatori trascura i propri coniugi, ma le indagini brancolano nel buio. Pedra e Fermín sembrano non essere in grado di riuscire a risolvere il giallo che, come tutti i libri della scrittrice, avrà un finale positivo perché i due riusciranno a scoprire i responsabili dell'omicidio e del furto e il movente che li ha animati. Se i dialoghi fra i due protagonisti sono eccellenti, se la trama narrativa è solida e sapientemente costruita, quello che, a differenza dei precedenti libri come Nido vuoto, Un bastimento carico di riso, tanto per citarne due,  è eccessivamente prolisso e stenta, sovente, il passo narrativo correndo il rischio di stancare il lettore. La scrittrice, nonostante queste lacune,  è abile nel descriverci non solo un delitto e il contesto che lo circonda, ma una Spagna divisa fra la volontà di andare avanti e la prospettiva di ritornare indietro negli anni bui del passato.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 141 millisecondi