:: Home » Numeri » #34 » CINEMA » Hana-bi...
1997
25
Set

Hana-bi...

Commenti () - Page hits: 2350
Hana-bi

(Fuochi d'artificio)


Pareri discordi all'uscita della sala: per me è un vero gioiello. Da
Leone d'oro? Certo, fino ad oggi naturalmente.
Pochi minuti bastano per cambiare la vita di un taciturno investigatore di nome Nishi, interpretato dallo stesso regista Takeshi
Kitano che però nelle vesti di attore si firma come Beat Takeshi.
Nishi, efficiente e fidato, lascia solo il collega Horibe per raggiungere la moglie all'ospedale dove apprende che è affetta da un male incurabile all'ultimo stadio. Come se non bastasse, all'uscita dell'ospedale Nishi riceve anche la notizia che il suo collega Horibe
è stato ferito gravemente. Nishi inizia così un'inarrestabile catarsi personale, molto ben descritta dall'alternarsi di scene dolcissime, gli ultimi sorrisi con la moglie, e violente, quando fa di tutto per isolarsi da quel mondo del quale non fa più parte. La Yakuza lo tallona per via di un prestito, Horibe tenta il suicidio e la moglie va lentamente spegnendosi; la fine è intuibile ma il film non cala affatto di tono. In "Hana-bi" c'è poesia moderna, dove i versi sono scanditi dagli spari o dagli interminabili silenzi dell'investigatore.
La quasi totale assenza di colonna sonora esalta ulteriormente le immagini e i suoni degli abiti che si muovono o delle mani che si sfiorano.
Una critica letta qui a Venezia fa il paragone con i conflitti della mente cari a Dostoevskij e a mio parere è perfettamente plausibile.
Nishi si toglie i panni di investigatore per indossare quelli dell'uomo, forse per la prima volta. Stupisce la sua completa lucidità in ogni momento nonostante anch'egli sia ben conscio che nulla può contro la malattia e contro gli ingiustificati sensi di colpa.
Assolutamente da vedere.
Mi piacerebbe spendere due parole anche su Kitano, un personaggio veramente eclettico tanto da diventare famoso come componente di un duo comico, conduttore di talk-show e apprezzato opinionista sportivo.
Tutto ciò comunque non basta per farlo apprezzare anche come regista se è vero, lo dice lui stesso, che i suoi film non hanno alcun successo in Giappone. Un'ultima curiosità. Con quale titolo sarà distribuito in Italia?

Michele Benatti

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 129 millisecondi