:: Home » Numeri » #30 » CINEMA » Oscar in gabbia.
1997
25
Apr

Oscar in gabbia.

Commenti () - Page hits: 2450
"Oscar" in gabbia.


La notte degli "Oscar" appena terminata ha lasciato un po' tutti perplessi per i risultati che ha ha prodotto. "Il paziente inglese" è un polpettone senza inizio né fine, chi l'ha visto ci può mettere la mano sul fuoco, ma nonostante questo ha fatto incetta di premi, superando film come "Segreti e bugie" o "Fargo".
Già da qualche mese si leggeva sui giornali che Hollywood era in crisi, poiché l'unico film in lizza prodotto dalle major era lo striminzito "Johnny Maguire" con il mono-espressivo Tom Cruise. In realtà per film indipendente s'intende ben altra cosa da quella che hanno cercato di spiegarci definendo tale "Il paziente inglese". Il budget a disposizione e la campagna pubblicitaria che ha sorretto questo film, lo colloca di diritto fra i kolossal, dato che la storia si svolge fra due set molto impegnativi dal punto di vista organizzativo. La presenza del cattivo di "Schindler list" e di
Juliette Binoche poi non fa altro che rafforzare quest'ultima definizione. La cascata di premi su "Il paziente inglese" solidifica quindi la tradizione hollywoodiana di premiare sempre se stessa, preferendosi alla perfida ironia di "Fargo" (imperdibile) o al delicato europeismo raramente raggiunto oltreoceano, di "Segreti e bugie".
Se fino a qualche settimana fa Juliette Binoche rappresentava la sintesi sublime di professionalità e bellezza, frutto di ruoli difficili ma anche diversi fra loro, questo premio consegnatole per la sua performance più brutta suona come un campanello d'allarme.
M'immagino già la Binoche stritolata in sciocche produzioni dove lei interpreta la francesina timida fuori ma pepata dentro oppure la spalla di Stallone impegnato nello scoppio di una fognatura. Juliette, non lo fare! Chi ha partecipato ad un capolavoro come "Film blu" deve poi fare molta attenzione a non sciupare tutto.

Michele Benatti

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 132 millisecondi