:: Home » Numeri » #26 » CINEMA » Il cinema al popolo!
1996
25
Dic

Il cinema al popolo!

Commenti () - Page hits: 2250
Il cinema al popolo!


Partiamo subito in quarta. Rendiamoci promotori di un'iniziativa che avrà sicuramente qualche effetto. Il cinema, è noto, costa caro ed inoltre non favorisce certo l'accesso alle categorie che dispongono di meno denaro: studenti, pensionati, anziani, ecc. La tessera AGIS vale, naturalmente, nei giorni in cui una seconda visione può togliere due ore preziose di sonno a chi lavora o sta preparando un esame. Lo stesso discorso vale per la giornata in cui il biglietto d'ingresso vale 8.000 Lire. Le visioni pomeridiane, ottime per studenti, pensionati, turnisti e chiunque abbia tempo e voglia di cinema il pomeriggio non sono certo privilegiate. A tutto questo possiamo aggiungere la scomodità di alcuni cinema, la programmazione scellerata che taglia fuori decine e decine di pellicole che per vederle bisogna centrare l'unica serata di programmazione a Bologna, la decisione di tenere in cartellone per settimane e settimane quei film che esauriscono il loro ciclo in due weekend di tutto esaurito e tante altre cose ancora. Si raccolgono tutte le lamentele riguardo a quest'argomento, da quelle generiche contro le majors o contro la categoria in generale a quelle mirate verso il tal cinema o la tal categoria di film. Lo scopo è quello di sintetizzare alcune frasi pungenti e taglienti da riprodurre su bigliettini che ognuno di noi lascerà alla cassa quando va al cinema. Si potrebbe pensare a slogan del tipo "Se costasse meno verrei più spesso" oppure "Con la minima andare al cinema oggi non è il massimo". Il dibattito è aperto.


Michele Benatti

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 1122 millisecondi