:: Home » Numeri » #26 » CINEMA » Cronenberg fa ''Crash''
1996
25
Dic

Cronenberg fa ''Crash''

media 1 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 3150
Cronenberg fa "Crash"


L'atteso "Crash", contestato premio speciale all'edizione 1996 del festival di Cannes, si è rivelato una bufala colossale. Mi tapperò le orecchie pur di non sentire pareri opposti motivati su luoghi comuni come "...non l'hai capito", "...devi entrare nella storia" o "...il regista lo ha fatto apposta per trarre in inganno". Non è vero. La storia è naturalmente moderna (l'invenzione dell'automobile ha poco più di cent'anni) ma forse il torbido rapporto fra persone deluse dai comuni stimoli e sfoghi sessuali e uno degli oggetti più presenti ed indispensabili del pianeta è inespresso e scialbo nella rappresentazione. Premessa: tutti i personaggi del film parlano, in
QUALSIASI situazione, come se avessero un orgasmo multiplo continuo a tutte le ore della giornata in qualsiasi luogo. La storia. Un frontale fa sì che nell'abitacolo dell'ignaro auto-erotomane piombi un corpo inerte. Gli istanti che trascorrono fra l'incidente e la presa di coscienza dell'accaduto, fanno capire a questo ragazzo che è eccitato per chissà che cosa. All'ospedale incontra poi la moglie della vittima dell'incidente che poi, dopo una rapida escalation di eccitazioni varie fra le lamiere, lo introduce in un pittoresco gruppo di meccanici, stunt-men e designer delusi dalla realtà che si eccitano con videocassette di incidenti, rifacimenti di incidenti famosi e sveltine a sfondo automobilistico. I dialoghi, ma forse la colpa è di
Russ Ballard l'autore del libro omonimo, sono degli zeri completi e la mano di Cronenberg, veramente mirabile in "Videodrome", "Il pasto nudo", "La mosca" o "Inseparabili", è inchiodata al volante. Qualche esempio? "Questa macchina profuma di sperma dappertutto", "Come immagini di farti il culo del meccanico?" o "Hai fatto l'incidente senza di me?". Non importa che siano frasi fuori del contesto, una volta che ne vedrete anche quello la risata sarà spontanea per la seconda volta. Non è sconvolgente, non è nuovo e non è affatto trasgressivo. Basta far scopare gli attori dappertutto per rendere un film trasgressivo? Basta forse infarcirlo di scemenze? Se al peggio non c'è limite potremo verosimilmente aspettarci "Crash 2", speriamo non diretto da un rinsavito Cronenberg, con scene di sesso fra scimmie e uomini sopravissuti ad incidenti aerei. Più originale e trasgressivo di così!


Michele Benatti

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 1255 millisecondi