:: Home » Numeri » #165 » LETTERATURA » I lunghi fucili - Cristoforo Moscioni Negri
2009
28
Apr

I lunghi fucili - Cristoforo Moscioni Negri

media 2.96 dopo 165 voti
Commenti () - Page hits: 4600
Ricordi della guerra di Russia
Introduzione di Ugo Berti Arnoaldi
Appendice di Mario Rigoni Stern
Edizioni Il Mulino
Pagg. 134
ISBN: 9788815104878
Prezzo: € 10,00

Nel 1953 usciva edito da Einaudi Il sergente nella neve di Mario Rigoni Stern, opera che ebbe un successo pressoché immediato e che ottenne anche il prestigioso riconoscimento del Premio Viareggio opera prima.
La ritirata di Russia, la strage dei nostri soldati in quella terra lontana, ha trovato nelle pagine dell'autore di Asiago momenti di intensa commozione che ancor oggi stupiscono e avvincono i lettori.
Fra i vari protagonisti di questo romanzo figura anche il tenente Cristoforo Moscioni Negri, energico, severo, competente, ma anche umano e vinto, oltre che dalla guerra, dal crollo della fiducia in chi l'aveva propugnata e poi diretta, senza la minima preparazione e nell'indifferenza per chi la combatteva direttamente.
Questo sentimento di delusione e poi di indignazione che sfocia in rabbia è descritto magistralmente da Rigoni Stern nell'occasione dello sganciamento dalle truppe russe, con quei colpi di mitra esplosi nel buio della notte senza che fossero diretti presso un preciso bersaglio.
Per quanto ovvio, Moscioni Negri, sopravvissuto a questa tragedia, lesse Il sergente nella neve e gli nacque lo stimolo di scrivere un lavoro analogo, ovviamente con la stessa trama e i medesimi personaggi, ma in un'ottica diversa, volta cioè, più che a realizzare un'opera letteraria, a denunciare impietosamente il tradimento del regime e degli alti gradi militari, creando così una sorta di ibrido fra l'indagine storica e la memorialistica.
Ne venne fuori un libro che, sottoposto all'Einaudi con i buoni uffici di Rigoni Stern, venne poi pubblicato nel 1956 nella collana "Saggi" Purtroppo il successo fu limitato e l'autore incolpò l'editore di aver effettuato una presentazione che aveva reso il suo lavoro "una minestra riscaldata", mettendolo nella scia del Sergente nella neve.
Questo paragone, però, finiva con l'essere inevitabile: stessa ambientazione, stessa trama, stessi protagonisti. Di questa possibilità di considerarlo "una copia" si era reso conto Italo Calvino che stimava il libro e che giustamente nel risvolto aveva chiarito le differenze fra la voce del semplice e tenace alpino che si fa interprete dei sentimenti di piena umanità della moltitudine e la trasformazione di un giovane ufficiale borghese che diventa uomo, maturo e consapevole, libero da pregiudizi e più attento ai fatti concreti e reali, scendendo fra i suoi alpini.
Personalmente, dico che è veramente inevitabile fare un accostamento fra un'opera e l'altra, con la prima che inoltre presentava il vantaggio della novità, ma il raffronto ha un senso nella misura in cui si considerino due opere dello stesso genere. Ora, Il sergente nella neve è prevalentemente un lavoro letterario, mentre I lunghi fucili è marcatamente un'indagine storica, pur se presenta pagine, poche in verità, di notevole impatto e di ottima letteratura.
Se si tiene conto, pertanto, di questa pregiudiziale, è possibile apprezzare il libro di Cristoforo Moscioni Negri che, con le stesse caratteristiche, si ripeterà in Linea Gotica sulla sua esperienza partigiana e con un'amara conclusione sui valori traditi della Resistenza.
Paradossalmente, si potrebbe dire che Il sergente nella neve ebbe anche più successo perché Rigoni Stern riuscì a rappresentare l'abnegazione, il sacrificio e la solidarietà di tanti uomini emersa per effetto delle incredibili incapacità e manchevolezze, sia a livello politico che a livello militare, quegli elementi negativi che ne I lunghi fucili sono oggetto di una meticolosa, severa e anche rabbiosa critica e che determinarono in Moscioni Negri una trasformazione che lo condusse a sentirsi fratello dei suoi uomini.
E' per questo motivo che ritengo che questo libro abbia una particolare rilevante valenza tale da raccomandarne la lettura, magari unitamente a quella de Il sergente nella neve.
  
Cristoforo Moscioni Negri (Pesaro, 1918 – San Marino, 2000). Laureato in Giurisprudenza nel 1940 e in Scienze politiche nel 1942, nonché in Medicina nel dopoguerra, prese parte alla campagna di Russia con il grado di sottotenente nel battaglione alpino "Vestone" e, dopo l'8 settembre 1943, si aggregò alle formazioni partigiane operanti nelle Marche, comandando un battaglione della brigata Garibaldi-Pesaro. Passato il fronte, si unì a un battaglione Gurkha dell'VIII armata britannica, partecipando alla famosa battaglia di Tavoleto (2 settembre 1944).
Sue pubblicazioni: I lunghi fucili (1956, nuova ed. Il Mulino, 2005) e Linea Gotica  (1980, nuova ed. Il Mulino, 2006).
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 124 millisecondi