:: Home » Numeri » #25 » CINEMA » Love and other catastrophes
1996
25
Nov

Love and other catastrophes

Commenti () - Page hits: 2450
Love and other catastrophes

di Emma-Kate Croghan

Mi hanno fatto notare che questo film è stato recensito in una rivista femminile. Ciò significa che è esattamente quello che la lettrice (o il lettore) di questo genere di riviste ci troverà tutto ciò che è un po' di moda. Ragazze, ragazzi, filosofia spicciola, sesso in dosi minime, lesbismo soffuso ed un po' di remember ai tempi dell'università.
Riuscirà l'intellettuale simpatica ma non bellissima ad attrarre il divo della scuola? Riuscirà la donna in carriera a defenestrare la compagna in favore della più intrigante dark-lady? Riusciranno tutti a divertirci? Le risposte sono: sì ma il suo amore non sarà il bono tanto agognato, sì ma ritorneranno insieme, no ma non guardiamo nemmeno l'orologio. "Love and other catastrophes" è una commediola giovane e carina ma ha più l'aspetto di una lunga puntata di qualche sit-com che quello di un film a tutti gli effetti. Non vale certo il già citato "Swingers" per il ruolo sociale e serioso che vuole interpretare e nemmeno "Quattro matrimoni e un funerale" per l'aspetto divertente e scanzonato. Si sorride un po' e non ci si annoia.
Potrebbe bastare ma i difetti emergono. Il personaggio di Ari, il bono, è fastidioso. Lo si vuole far credere come una specie di gigolo filosofo ma non arriva alla meta. La bruttina intelligente è il clichet per eccellenza e le lesbiche degli ultimi film fanno a gara per non sembrarlo.

Michele Benatti

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 143 millisecondi