:: Home » Numeri » #23 » CINEMA » Kolya
1996
25
Ott

Kolya

Commenti () - Page hits: 2600
----------------------------------------------------------------------
Kolya
di Jan Sverak

----------------------------------------------------------------------


Uno scapolo incallito di nazionalità ceca accetta un falso matrimonio per permettere il cambio di cittadinanza ad una ragazza russa con bambino a seguito. La ragazza scappa poi in Germania (che fantasia...) ed il bambino, di nome Kolya, rimane con Louka, il maturo violinista simil-Connery che ancora corteggia le amiche. Louka vede così trasformare la propria vita in quella di un amoroso padre, sfidando anche la polizia che lo tallona per scoprire un passato antigovernativo ed un bambino russo figlio di nessuno. La madre di
Louka non vede di buon occhio il bimbo perché russo e perché anche ben indottrinato con parole come patria, madre Russia, ecc. Dopo le sommosse del 1989 nasce la Repubblica Ceca e con essa torna la madre di Kolya per riprendersi il bambino, ora che non ci sono impedimenti politici. Nella scena finale, quando Piazza Venceslao è piena di persone che festeggiano la libertà, Louka nota anche i funzionari di polizia che prima tanto si attenevano, in modo un po' cinico, alle scrupolose limitazioni personali.
Dopo essere stato a Praga in vacanza ho capito chi era quel faccione che mi guardava da ogni cartellone! "Kolya" è simpatico, sufficientemente mieloso e commovente. Soprattutto è molto vendibile e lontano dai drammoni convenzionali e noiosi.

Michele Benatti

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 853 millisecondi