:: Home » Numeri » #18 » SUSSURRI » Voci che sussurrano
1996
25
Apr

Voci che sussurrano

Commenti () - Page hits: 2550
Voci che sussurrano


Aprile. Eccoci al quarto appuntamento del 1996 con le voci che sussurrano, ovvero con tutti coloro che hanno deciso di usare KULT
Underground come luogo di incontro letterario-alternativo. Gli enormi sconvolgimenti strutturali della rivista, che forse è possibile intravedere anche dal di fuori, consentiranno da adesso in avanti di ottenere una resa dei testi più consona al gusto dei loro autori.
E quindi, per chiunque decida di collaborare con noi, inviando materiale per questa o per qualunque altra rubrica della rivista, almeno un consiglio è di dovere: provate ad usare la nuova versione di
KTEXT per creare gli articoli.
Da un lato questo vi permetterà di vedere in anteprima come risulteranno i vostri lavori una volta "montati", e dall'altro potrete creare ipertesti, cosa non facilmente realizzabile con un editor normale...
Ovviamente questa richiesta non è vincolante, e continueremo ad accettare sia testi in formato tradizionale, sia su carta, grazie al valente aiuto di chi, ogni mese, si occupa della trascrizione di questo tipo di materiale.
Ma iniziamo immediatamente a parlare dei numerosi ospiti di questo mese.

* Apre le danze "Il fiore, la nube e il tuono" di Matteo Ranzi, corta
poesia d'amore o di passione, dai toni calmi e fiabeschi di una

ballata. Gli elementi predominanti (le rose, il mattino, il

prato) ricostruiscono in memoria l'immagine del luogo in cui il

soggetto narrante lancia la sua invocazione, lasciando

nell'ombra, quasi visibile solo per contrasto, la figura della

donna desiderata.


* "Shamrock", sempre di Matteo, è anch'essa una poesia di devozione,
ma contrariamente alla prima, l'inno d'"amore" che si eleva dai

suoi versi non è rivolto ad una figura femminile, ma alle

mistiche terre d'Irlanda. Conscio della mia incompetenza sui

miti di questi luoghi che più di un poeta hanno colpito, mi è

difficile anche solo tentare di spiegare i continui riferimenti

presenti in questi versi; soltanto l'aroma, soltanto il

paesaggio bruno, i rumori e i suoni che l'impianto descrittivo

crea nella mia mente, mi sono chiari, e già questo mi basta per

apprezzare questo breve scritto, e spronarmi a cercare, tra le

righe, quelle figure che non riesco a riconoscere.


* Antonello Giacobazzi termina poi la parte di SUSSURRI dedicata alle
poesie con una "London (callin')" surreale e incisiva. Titolo

con chiaro richiamo ad uno splendido pezzo dei Clash, e testo

volutamente non chiaro e pieno di riferimenti sia all'"universo"

inglese, sia alla nostra quotidianità... qualche passaggio,

forse, più di tutto il resto rende il significato di questo

brano, ma sbilanciarsi affermando che l'accoramento è dovuto a

questo o a quel motivo, è non solo avventato, ma sicuramente un

cogliere giusto uno dei molti elementi contenuti.


* Dopo qualche mese di attesa Marco Cristiani, che si auto definisce
"braghero", colpisce di nuovo lo staff di KULT Underground con

indiscrezioni sul secondo programmatore della rivista Thomas

Serafini. A mio parere molto più "cattivo" di "007-Operazione

KULT", questo 008-KULT è un impietoso, e non necessariamente

veritiero, sguardo dietro le fila del nostro-vostro giornale.

Notevole ed interessante, a tratti simpaticamente comico, il

nostro Marco non risparmia la vita privata e sentimentale

dell'autore di SPEAKEN, rivelando al resto del mondo qualche

chicca in più su di noi, e assottigliando quel già fine stacco

che divide redattori da lettori... e, come in tutti i programmi

televisivi di "sbragheramento" il motto è "e non finisce

qui".Infatti, salvo incidenti di percorso, già promessi da

qualche redattore non proprio accondiscendente, è intenzione del

nostro paparazzo ufficiale una bella sequenza di articoli di

questo tipo...


* Sempre rimanendo in tema di Marco Cristiani, ecco questo mese la
risposta di Fabrizio Guicciardi a "Capri, 22 Ottobre 2055",

ovvero "Zurigo, 24 Ottobre 2055". Estremamente piacevole, come

del resto lo era il testo pubblicato il mese scorso, quest'altro

pezzo di "letteratura collegata a KULT Underground", coinvolge

nelle trame di un improbabile futuro kultiano, anche il nostro

Gianluca Meassi, internauta nel presente, e "cyborg" tra 59

anni... Lo scambio di battute è rapido e sicuro, ed è un

racconto da leggere tutto d'un fiato (e magari da rileggere per

cogliere i particolari persi qua e là, come ad esempio Rooms 55

e Moon). Anche se, a questo punto, quello che tutti si

chiederanno è "ma Antonello dov'è?". Chi vivrà vedrà.


* Altro racconto degno di nota di questo mese è "ChatE-Mail" di
Doriano "IGNATZ" Rabotti. Scambio "epistolare" in stile Internet

tra hotlips@yale.com e mystere@pianeta.it, due plausibilissimi

viaggiatori virtuali, e della loro "love story", destinata a

giungere ad una inaspettata, quanto comicamente brutale, fine.

Singolare leggere testi ambientati nel più grande "ambiente di

scambio" mondiale, e molto gradevole notare come non tutto,

sempre, deve risultare per forza serio o preoccupante. Anche se,

conoscendo il nostro autore da molto tempo, risulta molto

immediato volere vedere un minimo di satira od ironia in qualche

particolare.


* "Les Halles" di Gabriela Guidetti è un racconto breve dal gusto
surreale e onirico, nel quale trova spazio il tema dell'"arte

assoluta"... ma non voglio dire molto di più per non rovinare

l'ottimo finale ad effetto. L'ambientazione temporale è

indeterminata, ma, e non ci si poteva aspettare altro,

sicuramente futuristica; piacevole poi notare come la tecnologia

che scivola dietro le fila della vicenda facendosi appena

intravedere, non sia "oppressiva", ma, in linea con un certo

filone di fantascienza, quasi un supporto alla nostra realtà, e

per questo probabilmente più "possibile".


* "Appunti di Viaggio", di Daniele Rebecchi è probabilmente uno dei
testi più lunghi presentati in SUSSURRI. Realistico racconto di

un viaggio in Spagna, ben ambientato nel conosciuto (almeno in

queste zone) mondo delle ceramiche e degli strumenti per

laboratori, descrive un periodo di tredici giorni passati tra

viaggio, fiera, e serate in locali notturni, insieme sia a chi è

sempre "in trasferta" per lavoro, sia a chi, come l'io narrante,

trova come eccezionale uno spostamento così lungo e duraturo. Lo

stile semplice e senza fronzoli, e la storia si snoda tra gli

elementi concreti (i pub, le donne, i computer), e le

riflessioni del protagonista sulla propria vita e sulla

difficoltà di certe decisioni in campo affettivo. Un opera

sicuramente molto buona, e catturante, nonostante la già citata

dimensione, e sconsigliata solo, a causa del gergo, ma ancora

più dalla immediatezza della narrazione, a bambini, o a persone

particolarmente sensibili.


* Chiude il giro "Tre pezzi" del fortunatamente già ritornato Raffaele
Gambigliani Zoccoli. La sua assenza, che aveva preoccupato non

pochi lettori, è stata prontamente interrotta da questo racconto

breve "casualmente" ambientato nel mondo delle caserme, e

localizzato a Bologna. Il tema: un'avventura "sentimentale"

vista dagli occhi e dalla mente di un ragazzo in divisa, vista

cioè da chi si sente "fuori casa", e non è padrone nè del

proprio tempo, nè del proprio destino. La capacità di Raffaele,

più volte provata, di dipingere situazioni differenti

esaltandone la parte "mentale", di riflessione istintiva dell'io

narrante, è, in questo brano, utilizzata per rendere il

desiderio di fuga, di sesso, e di auto affermazione. La vicenda,

come al solito semplice come struttura narrativa, non è

l'elemento focalizzato, ma focalizzante, e il vero mondo

presentato è quello dei desideri piuttosto che quello dei fatti.

Come Appunti di viaggio, anche Tre Pezzi è volutamente concreto

e realistico sia nel linguaggio sia nei contenuti, e di

conseguenza anche per questo articolo avvertiamo di ciò chi,

come è probabile, intenda leggerlo.


Come avete visto, il materiale non manca, e se avete tempo e voglia, ciò che vi è proposto vi potrà accompagnare per più di qualche rapido minuto, facendovi riflette, sorridere e pensare. Ricordiamo che ogni commento renderà agli autori dei testi qualcosa indietro per il tempo impiegato a realizzare le loro opere, e darà loro la giusta sensazione di essere apprezzati per ciò che mese dopo mese realizzano per voi.
Inoltre, anche se SUSSURRI non ha problemi di presenze, non pensate che le porte siano chiuse. Chiunque di voi sia intenzionato a presentarci una poesia, un racconto, o, magari, un ipertesto, non esiti a farlo, aggiungendo così la sua presenza a quella dei tanti volti che hanno sfilato da ottobre 1994 fino ad adesso in queste seguitissime pagine.
Che dire d'altro?
Buona lettura!

Marco Giorgini

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Marco Giorgini
Marco Giorgini è nato a Modena il 21 Agosto 1971 e lavora come responsabile del settore R&D in una delle più importanti software house italiane che si occupano di linguistica applicata. Dal 1994 coordina la rivista culturale KULT Underground e dal 1996 la casa editrice virtuale KULT Virtual Press; ha tenuto conferenze, e contribuito ad organizzare mostre e concorsi letterari, tra cui ''Il sogno di Holden''. Da marzo 2005 è autore di una striscia a fumetti sul mondo degli esordienti chiamata Kurt.
MAIL: marco@kultunderground.org
WEB:
www.kurtcomics.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 142 millisecondi