:: Home » Numeri » #128 » CINEMA » La Ballata di Cable Hogue
2006
14
Mar

La Ballata di Cable Hogue

media 3.31 dopo 1194 voti
Commenti () - Page hits: 6150

Questa ballata piena di umorismo e malinconia sembra essere più che altro una dichiarazione poetica ed esistenziale fatta da Sam Peckinpah al mondo. Il protagonista, Cable Hogue, è un individuo che si allontana dalla civiltà e sceglie il deserto come luogo ideale per la sua esistenza. Grazie a una sorgente d'acqua trovata nella sabbia (un miracolo?), Cable può permettersi una vita ai margini della società. Per Peckinpah è l'individuo la base di tutto, l'uomo che rischia e lotta per la propria libertà e la propria autonomia.

Quando Cable va in paese per comprarsi (legalmente) la terra dove ha trovato l'acqua, lo vediamo poi andare a chiedere ad una banca un prestito per poter iniziare la sua attività (vuole infatti costruire una stazione di ristoro per le diligenze). L'unica cosa che possiede è quel pezzo di carta che certifica il suo acquisto di un ettaro di terra per due dollari e mezzo. Quando il banchiere gli chiede delle garanzie, che naturalmente Cable non possiede, il nostro (anit)eroe se ne esce con una frase stupenda – E io? Non valgo niente?

Questa semplice domanda contiene al suo interno tutto il disprezzo di Sam per una società (quella capitalistica) che ha dimenticato che il valore di un uomo non dovrebbe mai risiedere in quello che un uomo possiede ma in quello che esso è.

Cable Hogue (che riesce infine a farsi prestare i soldi) costruisce così la sua stazione di rifornimento, chiama la terra comprata Cable Spring e nell'attesa di una vendetta scopre il suo amore nei confronti di una prostituta, Hildy.

Cable è uno di quegli uomini solitari, emarginati, schivi ma allo stesso tempo pieni di una vitalità così lontana da tutti i nostri obblighi morali e sociali che viene la voglia di imitarlo, di lasciare tutto e partire per il deserto, alla ricerca dell'avventura e delle stelle, di uno spazio immenso e sconfinato nel quale ritrovare se stessi.

Peckinpah ci mostra tutto quello che gli è più caro, l'amicizia maschile suggellatta come sempre da svariate bottiglie scolate, il sesso come momento di vero contatto tra uomini e donne e la ricerca della propria indipendenza come motore di tutta una vita.

Il regista poi costruisce il suo film (allontanadosi dalla violenza) usando toni molto ironici, dissacranti sono tutti i momenti in cui c'è una donna da conquistare o da portarsi al letto. Come per esempio nelle avances del predicatore mentre cerca di consolare una donna o nel primo incontro tra Cable e Hildy, dove attraverso un montaggio molto serrato capiamo quanto Cable apprezzi le grazie della ragazza. Aumentando poi la velocità delle immagini, in alcune sequenze ritorniamo ad una comicità propria agli albori del cinema, quella della slapstick comedy.

Molto romantica (ma in un modo non sdolcinato) è poi la storia d'amore che nasce tra Cable e Hildy. I due si innamorano senza mai mentirsi e senza mai essere diversi da quello che realmente sono. E' interessante vedere come in Peckinpah l'ideale di una donna autonoma ed emancipata coincida con la figura della puttana, ovvero una donna che sceglie l'indipendenza decidendo di vendere il proprio corpo e il proprio amore. Ma qui la dimensione del prostituirsi appare sempre giocosa e libera, senza nessuna costrizione. Una dimensione dove le donne non si chiudono all'interno di bigotte morali ma dimostrano anche loro una vitalità e una voglia di autonomia che sono tutte da ammirare.

Dice lo stesso Sam al riguardo – Io sono stato con tutte le puttane (americane, cinesi, inglesi, messicane, di tutte le nazionalità) e con un dieci per cento di esse ho intrecciato una specie di calda relazione personale: ho vissuto con qualche buona puttana. O mi hanno portato a casa loro o ero io a portarle a casa con me, siamo stati esseri umani insieme e non ho mai pensato a queste donne come oggetti da usare. Mi piace una donna onesta, una donna che sia onesta con se stessa e con le persone a cui tiene. Non di rado, in un modo o nell'altro una donna di questo tipo diventa una prostituta.

Continuando nella visione del film rimaniamo affascinati dalle dune del deserto come luogo aperto all'avventura, da quella vita vissuta nella totalità della sua essenza. Ci affascina quella libertà anarchica di voler fare a tutti i costi di testa propria, costruendo il mondo attorno alla propria persona e non lasciandosi incastrare in gabbie di alcun tipo (memorabile è la maniera che Cable ha di sparecchiare la tavola e lavare i piatti).

Questa ballata ci ricorda che la vita può essere qualcosa di molto più personale ed emozionate di quanto ci possiamo aspettare dal mondo che ormai abbiamo intorno. Peckinpah rispolvera l'immaginario del western per raccontarci il suo approccio all'esistenza, per rendere omaggio a quelle cose per cui vale decisamente la pena di vivere. Le donne per esempio o il bere. Cose come l'amicizia e la libertà.

Insomma tutto quello che oggi ci stanno facendo dimenticare, rinchiudendoci dentro uffici a timbrare cartellini e dandoci del tempo libero da riempire con la merda della televisione e di una vita plastificata. Una vita sempre più uguale a quella di uno che sia rimasto intrappolato all'interno di un enorme supermercato.

E tu Sam cosa ne pensi di tutto questo?

Il sogno americano è un qualcosa avvolto nella plastica, un bell'imballaggio con l'etichetta appiccicata sopra.

Lo sapevo Sam, è arrivato il momento di strapparla questa plastica, per vedere quello che c'è sotto.

Sempre ammesso che qualcosa sia ancora rimasto.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 222 millisecondi