:: Home » Numeri » #128 » LETTERATURA » L'Anarchiste - Francesca Mazzucato
2006
9
Mar

L'Anarchiste - Francesca Mazzucato

media 2.90 dopo 1596 voti
Commenti () - Page hits: 7050

 

     Nel nuovo romanzo di Francesca Mazzucato, L'ANARCHISTE, "le sessualità variavano e fluttuavano come fiammelle di candela" e "tutti facevano quello che volevano". La storia pone al centro un mondo di giovani, musicisti, alcolisti, dalla sessualità promiscua, in cui sesso e droga si sprecano, e si spreca soprattutto l'alcol che corre a fiumi. Al centro di questa "Corte dei miracoli" c'è il non più giovane Matteo, musicista, padre padrone e gran sacerdote del culto del piacere. Intorno a lui gente che viene e va, vuole divertirsi, fare esperienze estreme, in una sorta di anarchismo esistenziale di massa, in una città, Bologna, che di questo stile di vita è la capitale riconosciuta.

     Il romanzo della Mazzucato è un documento prezioso per capire la Bologna che tanto filo da torcere dà a Cofferati, per la presenza di un folto proletariato giovanile artistoide e musicomane che ha creato un clima californiano unico in Italia.

     Ma la verità del libro non è nel suo realismo ma in un'ambizione più alta.

     Mazzucato ha raccontato una lancinante storia d'amore che esplode tra Francesca, matura scrittrice erotica, sessualmente disinibita, che ha avuto l'onore di partecipare al Costanzo show, e un giovane amante di Matteo, Stefano. L'amore improvviso e bruciante che nasce  tra la donna e Stefano, gay e bisex, anarchico e militante dell'antagonismo gay, fa esplodere la gelosia di Matteo, che di Francesca è amico da sempre. Ne nasce una storia sconvolgente che  provoca l'infelicità di tutti e soprattutto di Matteo che non perdona la donna di avergli portato via l'amante. La scrittura fittissima racconta con efficace crudezza le scopate, le bevute, gli scontri, le performances  di un erotismo scatenato.

     Protagonista del libro è il Nichilismo. La trasgressività dei giovani bolognesi è tutta "natura", ha labili giustificazioni esistenziali, sta tutta nell'idea che la felicità  è possibile sperimentando tutto ciò che dà piacere ed esalta il corpo. Tra Francesca e Stefano scatta il classico colpo di fulmine, quell'amore che fa loro  scoprire la fata morgana, la magia che sia possibile "riempire il bisogno. Quello antico e seppellito che non tiri fuori mai. Quasi mai. Quello sotto cumuli di ceneri e difese". Ma è un amore che conduce all'odio e alla disperazione. Il nichilismo, la mancanza di valori, non si esorcizzano con il sesso estremo. Lo sperpero di ciò che dà piacere al corpo non dà felicità ma  provoca lacerazioni, rabbia, gelosie e una finale solitudine per tutti. Sui protagonisti è passata l'ala dell'Amore vero, che li ha stregati, illusi e alla fine inceneriti.

     Questo è il messaggio di un romanzo generazionale, importante perché scritto con passione conoscitiva, e con linguaggio forte anche se a volte ridondante per eccesso di calore e qualche cedimento all'enfasi.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Leandro Piantini
Poeta, saggista e critico letterario ha pubblicato in volume ''Presenza di Tozzi nella cultura italiana di primo Novecento'', ed Liviana, 1970 e ''Io e Van Gogh. Zavattini e il sogno di un film'', Nuova Edizioni del Gallo, 1991. Ha effettuato corsi e seminari sulla letteratura italiana del Novecento per i Comuni di Firenze, Empoli. Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino, Chianciano Terme, Greve in Chjianti, San Miniato e San Casciano. Ha pubblicato saggi e studi su G. Verga. F. Tozzi, la narrativa toscana del ‘900, C. Zavattini, V. Pratolini, V. Brancati, C. Cassola, P. Volponi, F. Jesi. L. Bianciardi, P.P. Pasolini, G. Parise. G. Celati, C. Magris, L. Baldacci, L. Pariani, A.M. Carpi. C. Betocchi, D.Campana , L’editoria alternativa ecc. Ha pubblicata centinaia di recensioni soprattutto su opere di narrativa del secondo Novecento. Ha scritto su La Rassegna della letteratura italiana, Nuova Antologia, Forum Italicum, Il Ponte, Paragone letteratura, Il Cristallo, Studi filosofici, Il Portolano, Caffè Michelangiolo, L’Indice dei libri, Erba d’Arno ecc. Ha collaborato ai quotidiani Paese sera, Il Giornale di Montanelli. In poesia ha pubblicato: IL DUELLO, con prefazione di Giovanni Raboni, Ed. Erba d’Arno, 1997, con il quale ha vinto il premio di poesia Giuseppe Giusti di Monsummano Terme nel 1999. Ha pubblicato anche TEMPO CHE VERRA’, Ed, Florence art edizioni, 2002, con il quale ha vinto il secondo premio al Premio Pisa ed. 2002. Svolge un’intensa attività di conferenziere e presentatore di libri. Nel 2005 ha condotto un corso di Scrittura Creativa presso l’Arci di Firenze

 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 149 millisecondi