:: Home » Numeri » #1 » SCACCHI » Studi scacchistici
1994
25
Ott

Studi scacchistici

media 2.25 dopo 4 voti
Commenti () - Page hits: 5450
STUDI SCACCHISTICI


Il primo libro che intendo presentare è di un autore scomparso in questi anni (06/01/1988) a cui il mondo degli scacchi deve molto: il Maestro
Internazionale Giorgio Porreca, due volte campione italiano e grande giocatore per corrispondenza in ambito internazionale, che ha realizzato dei veri e propri best sellers della letteratura scacchistica. Uno di questi capolavori è senza ombra di dubbio "Studi Scacchistici" ed. Mursia, vecchio di data quanto moderno di idee.
Questo libro è rivolto a chi, negli scacchi, ha già fatto un po' di
"gavetta" e presenta la bellezza di 484 "studi", con relativi diagrammi, molto gradevoli dal punto di vista "artistico" e molto interessanti dal punto di vista combinativo.
(Lo "studio" è una posizione immaginaria nella quale il bianco forza la vittoria o la patta mediante una sequenza di mosse). Non si tratta dunque di un libro da consultare ma da studiare in modo approfondito così da permettere ai giocatori non più alle prime armi di arricchire il proprio bagaglio posizionale.
Questo libro (190 X 113 mm composto di 375 pagine) vi permetterà, oltre che migliorare la vostra qualità di gioco, di conoscere la grande abilità nell'insegnamento del Maestro Porreca.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Federico Malavasi

Federico Malavasi, perito chimico, lavora come tecnico galvanico. Giocatore di scacchi cat. 2N. Redattore dalla fondazione di KULT si occupa di PR.


MAIL: federico@kultunderground.org
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 156 millisecondi