:: Home » Numeri » #162 » LETTERATURA » Un Gioco d’Azzardo - Corrado Guzzon
2009
24
Gen

Un Gioco d’Azzardo - Corrado Guzzon

media 2.30 dopo 479 voti
Commenti () - Page hits: 5700
Prefazione di Renzo Montagnoli
Edizioni Il Foglio Letterario
www.ilfoglioletterario.it
ilfoglio@infol.it
Poesia silloge
Collana Autori Contemporanei di Poesia
diretta da Fabrizio Manini
Pagg. 85
ISBN:  978 88 7606 213 1
Prezzo: € 10,00
 
Anziché le classiche dediche all'inizio della silloge sono riportate tre riflessioni, o meglio tre aforismi.
Uno è del poeta che sull'autore ha esercitato il maggiore influsso, cioè Charles Bukowski, un altro è di Andrea Pinketts, mentre il terzo è di Guzzon stesso, tratto dalla sua silloge Un Deca sul Bancone.
Quest'ultimo è il più interessante per definire la filosofia del poeta e testualmente recita "Gli anni se ne vanno prendendoti in giro". La frase sembra un po' criptica, ma, se si esamina la produzione di Guzzon e in particolare quella della presente silloge, appare assai chiara, perché è il frutto di un'amara presa di coscienza sugli sforzi dell'uomo per dominare il trascorrere del tempo: gli anni volano, quasi sbeffeggiandolo, e allora l'importante è non prendere mai troppo sul serio le cose e, soprattutto, se stessi.
Così, verso dopo verso, troviamo a volte il percorso della memoria che riporta all'epoca spensierata della fanciullezza, quando c'era il sottile incosciente piacere di rubare l'uva, per mangiarla poi in riva al fiume in attesa del tramonto e far corte alle ragazze, per ottenere un difficile bacio (Un'altra scuola).
Ma c'è anche l'età della ragione, in cui i sogni sembrano svanire, salvo che un gesto del tutto inatteso risvegli Il fanciullino per farlo nuovamente volare (Con un salto). Questa riscoperta della parte più genuina e naturale che è in noi, spesso occultata, soffocata dalla quotidianità, se pur appena accennata, rientra in effetti nel mito platonico del Pascoli, quasi un'antitesi alla rassegnata consapevolezza che la vita è fatta solo di gesti ripetuti e meccanici che finiscono con l'isolare l'individuo in quella moltitudine di cui al tempo stesso desidera e teme di far parte.
Il riaffiorare di ciò che ancora è incondizionato lo ritroviamo anche in Un minuto è già un romanzo, con il rinnovarsi dello stupore per le stelle cadenti. 
Tuttavia resta l'eterno contrasto fra la nostra spinta intima a volare e la realtà degradante, asfissiante, che tende progressivamente a inaridire, splendidamente espressa in Autunni diversi.
Che il tempo e il destino si prendano gioco di noi, in pratica pedine di una commedia di cui non conosciamo il testo, è inevitabile anche nell'amore, dove tutto sembra o è frutto del caso, come nel gioco d'azzardo e Gioco d'azzardo è una poesia che dà il titolo all'intera silloge.
E all'amore sono dedicati molti versi, riproponendolo in occasioni diverse della giornata, sempre venato da una malinconica visione di un rapporto che sembra seguire il suo corso indipendentemente dalla volontà dei soggetti, semplici marionette che un burattinaio invisibile muove secondo un copione solo a lui noto.
In questa raccolta è marcata una visione disincantata della vita, da non prendere mai sul serio; infatti è indispensabile ironizzare su noi stessi, unica possibilità perché il tempo passi senza che il nostro coinvolgimento sia di attivi partecipi a un progetto a cui non crediamo, e in questo senso la raccolta comprende una poesia il cui ultimo verso è costituito solo da un nome e cognome: Charles Bukowski. 
E' certamente un omaggio al maestro e finisce con il ribadire che, per quanto nulla sia da prendere sul serio, in noi resta sempre la traccia di quel Fanciullino che ci porta anche ad entusiasmarci, magari solo per i versi di un altro autore che più di noi ha saputo ascoltarlo e dargli voce.
E non è un caso se la copertina è del tutto particolare. Dovete sapere che Guzzon, che fin da giovane ha collezionato tutte le edizioni di volumi di Bukowski, anche quelle americane, di cui alcune numerate e firmate dall'autore, riuscì a ottenere, grazie a Fernanda Pivano, l'indirizzo di casa del poeta, a cui scrisse una lettera includendo una delle sue cartoline che lo ritraevano alla macchina da scrivere, con la preghiera di ritornargliela autografata, il che avvenne. Questo accadeva nel gennaio del 1994, due mesi prima (9 marzo) che Bukowski morisse. Dopo quasi quindici anni il retro è la base della copertina di questa bella silloge di cui consiglio vivamente la lettura.
 
Corrado Guzzon è nato a Monza nel 1966.
Ha pubblicato due libri di poesia:
 
DOVREI VIVERE IN UNA VASCA
(Edizioni Clandestine, 2006)
 
UN DECA SUL BANCONE
(Cicorivolta Edizioni, 2007)
 
Scrive da molti anni. È socio del Gruppo Scrittori Ferraresi e molte delle sue poesie sono state pubblicate in diverse riviste, fra le quali UnPoDiVersi, e, più recentemente, L'Ippogrifo, entrambe gestite dal G.S.F.
È stato vincitore del primo premio nel Concorso Nazionale di Poesia anno 2008 "Premio Lasarat - Città di Broni (PV)" sezione Italiano.
"UN GIOCO D'AZZARDO" è la sua terza raccolta.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 141 millisecondi