:: Home » Numeri » #128 » LETTERATURA » Incubi - Alda Teodorani
2006
7
Mar

Incubi - Alda Teodorani

media 2.84 dopo 1549 voti
Commenti () - Page hits: 5700

Roma. Caldo.
Una donna soffre per un amore finito. Una donna inizia a scrivere un diario per...
Al di là della finestra, scorre pioggia e migliaia di lucertole, gli occhi brillanti che fissano. Prima magia-distorsione. Prima metamorfosi del reale che inizia a incurvarsi, torcersi come su uno specchio deformante. Per meglio scrutare. Per meglio indagare.
"Che occhi grandi che hai!"
"È per guardarti meglio".
"Che bocca grande che hai!"
"È per divorarti meglio!"
E Alda divora la realtà, insaziabile e la realtà divora lei.
Tutto intorno modifica, può modificare in un batter d'occhi. I suoni anche e le luci. L'incubo solo può scarnificare il visibile, la normalità, per estrarne il succo vitale, rosso sangue. È il sangue delle cose che si cerca, non la loro apparenza illusoria. Il sangue dei significati, che ormai, come un esercito di volanti, verdi lucertole, fuggono lontano da noi, tagliando il nostro campo visivo in un ondulante, viscido serpeggiare smeraldo.
E la mente diviene ricettacolo di brandelli sparsi di memorie. Ricettacolo e cassa di risonanza che cattura e amplifica. La mente come terra che decompone e dà nutrimento; spirale di morte-vita in eterno, assordante, abbagliante avvilupparsi. Proprio quando la stanza, le strade, la città, il cielo intero si modificano in un inverosimile flettersi, ritroviamo gli scricchiolii di perni, gli stridii di quelli che sono per noi incastri portanti: parole, musiche, immagini. Le parole di Baudelaire, Poe, Stoker, Bulgakov s'accorpano a onde sonore: Zucchero, Bowie, Battiato, la colonna sonora di Blade Runner, The Cure... in una cacofonia limpida come l'apparizione d'un fantasma. Un fantasma fatto di vapori sfuggenti, ma dallo sguardo fisso su di noi. Uno sguardo vivo.
Sfuggenti, fisse su di noi e limpide sono le parole di Alda. Parole che nascono come antiche sorgenti incantate, e come esse vengono da lontano; mondi sommersi, viscere di Mostri degli Inferi.
Limpide.
Questo è l'aggettivo che spazza via ogni altro, quando penso a queste parole. Spazza perfino aggettivi "nobili" come evocatrici, ispirate, taglienti, incisive...
Limpide. Queste parole.
Limpido il suono. Di cristallo che fa fremere l'aria del suo suono più puro. Blu notte. Limpide le immaggini, fili tesi a intrappolare l'altra realtà, quella che s'agita in filigrana al di là della pelle del visibile. Che solo i sogni possono rivelare. Meglio ancora, quando i sogni si fanno acuminati e affondano come lame affilate, meglio ancora, quando i sogni si fanno Incubi. E si ha male.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giovanni Buzi
Giovanni Buzi nato a Vignanello (VT) nel 1961, insegna lingua e cultura italiana al Parlamento Europeo di Bruxelles. Tra le sue pubblicazioni: i romanzi: Faemines, Libreria Croce, 1999, Il Giardino dei Principi, Massari, 2000, Agnese, (prefazione Giuliana Cutore), Tabula Fati, 2005, la raccolta di novelle: Fluorescenze, (prefazione Alda Teodorani), Il Filo, 2004, Sesso, orrore e fantasia, (prefazione Alda Teodorani, Olivier Duquenne), Massari, 2005, Alchimie d’amore e di morte, (prefazione Gianfranco Nerozzi), Tabula Fati, 2007. Un saggio di storia dell’arte W. Turner in Etruria, Massari, 2004 e un Manuale di storia dell’arte per i licei, Multimedia, 1993. Ha pubblicato vari racconti in raccolte antologiche. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti letterari tra i quali il primo posto al concorso letterario Profondo Giallo 2005 con il racconto La collana di perle celesti pubblicato nel n. 2896 del Giallo Mondadori. Nel mese di settembre 2007 all’ISTI, Institut Supérieur de Traducteurs et Interprètes, di Bruxelles, è stata sostenuta la tesi: «Il Giardino dei Principi: gli anni Cinquanta e il rinnovamento dell’Italia», tesi che comprende la traduzione del romanzo «Il Giardino dei Principi».
WEB: www.giovannibuzi.net
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 142 millisecondi