:: Home » Numeri » #162 » LETTERATURA » Il fuoco della poesia - Davide Rondoni
2009
7
Gen

Il fuoco della poesia - Davide Rondoni

media 3.04 dopo 813 voti
Commenti () - Page hits: 7100

BUR – 2008 – 9,20 Euro

Iconoclasta di un mondo sgretolato, impegnato in astrusi, grotteschi esercizi volti a vanificare la morte in una cultura anaffettiva nel suo essere sentimentalista, Rondoni accende luci e speranze attraverso allegoriche, colorate finestre ritratte nella copertina, novello surrogato di stelle per una perduta, sublimante tradizione. Invoca poesia, consapevole suggestione di appartenenza ad altro perché di stelle, in fondo, siamo costituiti. Dell'umano calore, della vita e dell'oltre, piccole frammentarie luci ritraggono un ulteriore cosmo, una comune origine  per un divenire ignoto nella chiave di un medesimo mistero da condividere. Rondoni, con "Il fuoco della poesia", v'intraprende il suo ponderato viaggio nell' "oggi", come cattolico allineato e assumendone con coraggio le scelte, ma in una dimensione comunque universale e illuminata di esegesi poetica da cui non possiamo prescindere sebbene, beninteso, restino sempre opinabili talune identità di posizioni. Si apre con un nodo epistolare pretestuoso, che "da palo in frasca" riesce a dialogare nell'armonioso caos poetico con la cronaca di tutti i giorni. L'autore veste i panni del bardo indignato per il suo paese, ma anche quelli del crociato, baluardo di cristianità contro le volgarità di questo mondo, "il niente della schiavitù" in un vuoto di valori, l'indifferenza del vivere. Nel merito e nella qualità delle motivazioni, resta il miracolo dell'amore, se autentico. Sì, perché tra i mali elencati nell'anamnesi di cronache l'ipocrisia imperversa come una cancrena conclamata nel nostro vivere, anzi non vivere.  Famiglia evocata tra "ronde" di mamme, insita in una tradizione incapace di rigenerarsi e che, proprio nell'amore, non è più in grado d'interrogarsi sull'inadeguatezza e il disagio di spazi e ruoli come pure dei mezzi legislativi. Famiglia che, a mio parere, dovrebbe estendersi ed evolversi per salvaguardare un futuro piuttosto che riproporsi nella sua dissoluzione. "La tradizione è sempre da conquistare, diceva Eliot", non da emulare. Lo sguardo poetico di Rondoni si sofferma su tematiche delicate e di rilievo come aborto, fecondazione assistita, omosessualità ed eutanasia riuscendo a esemplificare i più convincenti spunti tra strisce di cocaina e "ansia di prestazione" o nella tv "droga psicologica", "dio algido del nostro tempo". Inevitabilmente si attraversa la storia, quella più recente, che va dai kamikaze dell' 11 settembre agli sciacalli di New Orleans, controfigura del "nostro cuore". Rievocati anche gli anni Settanta che, secondo me, non sono soltanto un modello diseducativo anzi, c'era un vivido, libero e sincero senso di ricerca spirituale e amore, soprattutto nel filone di certa cultura hippy-psichedelica. Oggi c'è la "generazione bancomat", priva di un riferimento educativo autentico e libero, che segna il "nulla" evocato attraverso i versi di Montale. Qualche laico qua e là additato, come Grillini con l'aneddoto dantesco o la Hack in tutto il suo "livore anticattolico dal sapore ottocentesco". Rilevante l'attestato di stima per il coraggio della Fallaci, a testimonianza vengono riportati eloquenti frammenti di una conversazione: "le due grandi questioni sono Dio e la libertà". Pertanto, di fronte a una Chiesa schietta con le sue "indicazioni" nel rispetto della "libertà di chiunque" coesiste il Voltaire di "non sono d'accordo con le tue idee, ma darei la mia vita perché tu possa esprimerle". Viceversa, sull'altro fronte, troviamo intolleranza ed estremismo con tutto il male che ne consegue. Per "uscire dal Novecento", certamente, occorre rivalutare quegli aspetti spirituali più evoluti e saldamente rappresentati dalle religioni piuttosto che accomunarli nel "brodo di cultura del nuovo fanatismo", così come Rondoni ravvisa in Wiesel. Fondamentali restano "gli artisti. Meno noiosi dei filosofi, della grande maggioranza dei preti e dei commentatori", perchè quel "tacito, infinito andar del tempo" è una "costante cosmologica" che riporta a sottili equilibri che soltanto un poeta può cogliere.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Enrico Pietrangeli
Enrico Pietrangeli, autore della raccolta di poesie ''Di amore, di morte'', pubblicata in versione cartacea (Teseo editore - 2000) ed in elettronica (Kult Virtual Press - 2002), collabora con giornali, riviste e siti internet da diversi anni. Presente sulla scena romana della poesia sin dagli anni Ottanta, ha curato anche rassegne e spettacoli, come Poesia da Bruciare (Pozzo degli Angeli-2002 e Teatro della Forma – 2003) e il “Sicilia Poetry Bike” nelle edizioni 2008 e 2009. Attraverso la traduzione poetica, si è dedicato all'opera di alcuni autori poco conosciuti, come Agusto dos Anjos, Delmira Agustini, Josè Maria Eguren ed altri. Redattore di Controluce e dell’Osservatorio Letterario, gestisce il sito ''Poesia, scrittura e immagine'' [www.diamoredimorte.too.it]. Ha recentemente pubblicato il suo romanzo d’esordio ''In un tempo andato con biglietto di ritorno'' (Proposte Editoriali – 2005) con una seconda edizione in elettronica (Kult Virtual Press - 2007) e una nuova silloge poetica dal titolo “Ad Istanbul, tra pubbliche intimità” (Il Foglio-2007)
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 147 millisecondi