:: Home » Numeri » #157 » CINEMA » Batman - Il Cavaliere Oscuro
2008
25
Ago

Batman - Il Cavaliere Oscuro

media 2.76 dopo 711 voti
Commenti () - Page hits: 5600
 
 
Cristopher Nolan toglie il suo Batman da quelle atmosfere gotiche e pop,  fumettistiche e postmoderne nelle quali Tim Burton, nei primi anni novanta, aveva inserito il ritorno in grande stile, al cinema, dell'uomo pipistrello. Gotham City diventa una qualsiasi città americana (Chicago), Nolan sceglie visioni dall'alto che prediligono la profondità e la vertigine di un occhio che si muove tra i palazzi e li sorvola, come il nuovo Batman, capace di volare, di spostarsi in quegli spazi vuoti tra un grattacielo e l'altro che sono la dimensione favorita del movimento di un altro supereroe, Spider-man.
Nolan immerge in un contesto contemporaneo, tendente al reale e ipertecnologico il nuovo capitolo della serialità con marchio Batman. Il suo obiettivo diventa esplorare l'umanità del personaggio, intesa come conflitto psicologico, come lotta interiore. Messinscena della battaglia che smuove e sconvolge l'anima e la mente, ogni volta che i sentimenti vengono toccati e feriti. E allora l'oscurità che scende e trasforma l'idea dell'eroe. Il bisogno di una giustizia che abbia un volto e un nome. Il tentativo di abbandonare la maschera per confrontarsi con una esistenza normale, per dire addio definitivamente alla propria diversità.
Il dualismo interno al personaggio di Batman si riversa poi nel suo rapporto con il Joker e nell'altro personaggio che avrebbe dovuto rappresentare il nuovo volto della giustizia, Harvey Dent, che invece si ritrova ad essere sfigurato, diventando così due facce, come quelle della moneta che tira, tutte e due uguali e allora, forse, come predica il Joker, anarchico distruttore, dovrebbe essere il caso a portare giustizia in un mondo in cui gli uomini non sono mai all'altezza dei loro compiti, soprattutto se devono fare rispettare la legge e quello che essa rappresenta.
Ma solo e sempre negli uomini è racchiusa poi la speranza. Il detenuto che getta il congegno che avrebbe fatto saltare un'altra nave e ucciso vite umane. Un gesto di rifiuto della morte. Di resa e allo stesso tempo di rivolta. Ancora di più, l'unica azione che in quel momento andava fatta. E tocca ad un detenuto (un malvagio, un cattivo) compierla. Complementarietà del bene e del male. Equilibrio e caos. Questi i punti di fuga e di scontro della pellicola di Nolan che si concentrano nell'occhio del regista troppo tardi, dopo un'attesa che si compatta solamente nello spettacolo e nell'azione, per arrivare poi ad un finale che ricostruisca l'identità dell'uomo pipistrello in una nuova veste dark e pessimista, un eroe al contrario, qualcuno a cui dare la caccia, l'inganno della maschera, questa volta, a nascondere il fallimento di chi avrebbe dovuto rappresentare il bene, quelle due facce troppo simili nella loro mostruosa diversità al punto da chiedersi se veramente il bene e il male potranno mai essere due cose distinte.

Trailer su YouTube
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 525 millisecondi