:: Home » Numeri » #156 » LETTERATURA » Amare è un’isola - Gigliola Magnetti
2008
2
Lug

Amare è un’isola - Gigliola Magnetti

media 3.32 dopo 947 voti
Commenti () - Page hits: 8200
 
Ci sono libri scritti dalle donne e che paiono destinati a essere letti dalle donne. Sono quelli in cui i sentimenti sono protagonisti della narrazione, tanto da trasformarsi in aggettivi: sentimentali.
Amare è un'isola rientra appieno in questa categoria. Lo si capisce sin dal sottotitolo, dialogo fra madre e figlia; se ne ha la conferma nel commento iniziale di Daniela Della Casa, che parla di "una storia al femminile ove la forza si rileva soprattutto quando traspaiono la fragilità e le paure, i dubbi e lo scoramento, la sofferenza e l'errore".
Sono i sentimenti di una bambina che fa a gara con sua sorella a chi conta il maggior numero di alberi di Natale sui balconi delle case addobbate a festa, di una donna che sfoglia il diario dell'ultimo anno di vita della propria madre, di un padre che si cruccia perché la figlia ha deciso di sposarsi nella casa del popolo e non in quella di Dio, di chi si volta indietro e guarda gli amori della propria vita e con loro fa i conti.
Sono i sentimenti di una donna che, fiera, afferma "non sono più figlia, sono madre" o quelli di un uomo che constata quanto sia difficile fare il vice papà di un figlio non suo, o ancora di una donna che constata che il proprio imprinting è la tenerezza.
Sono i sentimenti di una vita fatta di momenti, di isole, come in un viaggio scandito capitolo dopo capitolo in un arcipelago di "isole con tempeste, maree, aridi deserti", da cui si è fuggiti o in cui si è gettata l'ancora.
L'ultimo romanzo di Gigliola Magnetti (insegnante e giornalista) è narrato con grande dolcezza, che fa da contrappunto a uno stile a tratti ruvido e intransigente. Le pagine migliori sono sicuramente quelle relative al rapporto tra la protagonista (Cassandra) e i tre uomini della sua vita, mentre quelle forse meno riuscite sono le parti didascaliche che commentano il rapporto tra madre e figlia.
Come dicevo all'inizio, ci sono libri scritti dalle donne e che paiono destinati a essere letti dalle donne. Sono quelli che leggono anche gli uomini, ma solo di nascosto. Ma alla fin fine la cosa importante è che un libro venga letto.
Gigliola Magnetti – Amare è un'isola
Neos Edizioni – pag. 142
€ 10,00 – ISBN 9788888245645
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Andrea Borla
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 142 millisecondi